Nascite in Italia? Poche, con cesareo e da mamme anziane

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/12/2015 Aggiornato il 23/12/2015

Il Rapporto del Ministero della Salute evidenzia in Italia una situazione non rosea: diminuzione delle nascite, innalzamento dell'età della mamma e ricorso frequente al cesareo

Nascite in Italia? Poche, con cesareo e da mamme anziane

Com’è la mamma italiana? L’età è sempre più avanzata, partorisce di meno e principalmente in ospedali pubblici, con accanto a sé il padre del bambino, è istruita, in un quinto dei casi straniera e dà alla luce suo figlio troppo spesso con il parto cesareo. È la fotografia della mamma del nostro Paese scattata dal Rapporto annuale sull’evento nascita, a cura dell’Ufficio Statistica del Ministero della Salute, che prende in esame i dati relativi ai Certificati di Assistenza al Parto (CeDAP) del 2013. A preoccupare sono soprattutto la diminuzione delle nascite (23.000 bambini in meno rispetto al 2012) e l’utilizzo ancora troppo frequente del parto cesareo,  con oltre un terzo delle partorienti sottoposte all’operazione. 

Mamme più anziane e straniere

Le mamme che partoriscono in Italia sono sempre più avanti con l’età e nel 20% dei casi straniere. L’età media della madre è di 32,7 anni per le italiane, mentre scende a 29,7 anni per le immigrate, principalmente provenienti dall’Europa (26%), dall’Africa (25%) e dall’Asia (18%). L’età media al primo figlio è per le italiane, in quasi tutte le Regioni, superiore a 31 anni. Le donne straniere, invece, partoriscono il primogenito a quasi 28 anni. Una mamma su 5, dunque, non è italiana. Tale fenomeno è più diffuso al Centro-Nord dove oltre il 25% dei parti avviene da madri immigrate, in particolare in Emilia Romagna e Lombardia, dove si arriva al 30% delle nascite.

Sempre meno bambini

Le nascite continuano a diminuire, così come il numero di figli per donna (1,39, rispetto a 1,46 del 2010, anno in cui il calo ha avuto inizio). Le regioni in assoluto meno prolifiche  sono Sardegna, Basilicata e Molise, mentre quelle più virtuose sono a Nord, le Province Autonome di Trento e Bolzano, e al Sud, Campania e Sicilia. L’88% dei parti avviene negli Istituti di cura pubblici o convenzionati, il 12% nelle case di cura private e solo lo 0,1% in casa. L’8,6% dei parti ha luogo invece in strutture che accolgono meno di 500 nascite annue, soglia minima, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, affinché mamma e bambino possano essere considerati al sicuro.

Troppi cesarei

Si conferma il ricorso eccessivo al taglio cesareo: il 35,5% dei parti avviene per via chirurgica, con notevoli differenze regionali. Il 54% delle operazioni si svolge nelle case di cura accreditate contro il 33% negli ospedali pubblici. Il parto cesareo è più frequente nelle donne italiane rispetto alle straniere.

Papà presente

Delle donne che hanno partorito nel 2013, il 44% ha una scolarità medio alta, il 30% medio bassa e il 26% ha conseguito la laurea. Fra le straniere prevale invece una scolarità medio bassa (48%). Oltre la metà delle madri ha un lavoro, mentre quasi il 30% è casalinga, con un circa 10% di disoccupate. Ma qualunque sia la sua condizione socio-economica, la futura mamma, al momento del parto, vuole sempre accanto a sé il papà del bambino (quasi nel 92% dei casi), mentre solo il 7% sceglie un familiare o un’altra persona di fiducia (circa l’1%).

 

 
 
 

da sapere

 

ANCORA POCHE LE GRAVIDANZA CON PMA

Si ricorre a una tecnica di procreazione medicalmente assistita in solo 1,66 gravidanze su 100.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti