Niente fretta per il taglio del cordone ombelicale: lo dice l’Oms!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/12/2013 Aggiornato il 24/12/2013

Le nuove indicazioni dell’Oms, derivanti da oltre 15 studi internazionali, consigliano di ritardare il taglio del cordone ombelicale in sala parto

Niente fretta per il taglio del cordone ombelicale: lo dice l’Oms!

È un fattore su cui la mamma non può intervenire. Sono i medici, o anche l’ostetrica, a decidere quando fare il taglio del cordone ombelicale. I genitori possono tuttalpiù provare a parlarne prima del parto, ma poi non è detto che vengano ascoltati. Da oggi, però, si può chiedere che ci si attenga alle nuove indicazioni dell’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, che invitano a ritardare il taglio del cordone ombelicale.

Perché aspettare

Tutto parte dall’analisi di 15 studi condotti su oltre 3.900 donne e bambini. Da questi si deduce che aspettare a fare il taglio del cordone ombelicale abbassa il rischio di anemia: i bambini nei quali c’era stato un “ritardo” del taglio avevano livelli di emoglobina più alti da uno a due giorni dopo il parto e meno probabilità di avere una carenza di ferro da tre a sei mesi dopo la nascita. 

Da uno a tre minuti dopo la nascita

Finora, nei Paesi occidentali, si tendeva a tagliare il cordone ombelicale entro un minuto dalla nascita. Il pericolo di aspettare troppo era quello di fare aumentare il rischio di ittero nei neonati. Oggi, invece, si è visto che è preferibile attendere qualche minuto in più, da uno a tre, per evitare che si riduca la quantità di sangue che passa dalla madre al bambino attraverso la placenta, abbassando le riserve di ferro del neonati.

Le attenzioni dopo

Indipendentemente da quando viene effettuato il taglio, alla mamma spetta poi osservare che la “ferita” si cicatrizzi bene e che entro 7-14 giorni cada il moncone, cioè ciò che resta del cordone. Si forma così l’ombelico del piccolo e si può fare il primo bagnetto.

In breve

TAGLIO E LEGATURA PER VIVERE AUTONOMAMENTE

Il cordone ombelicale collega la madre al bambino durante la gravidanza e serve al feto per essere nutrito e ossigenato. Una volta fuori dall’utero, invece, il piccolo deve respirare da solo e incominciare a vivere autonomamente e, pertanto, il cordone va tagliato e legato (in termini medici “clampato”). 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti