Non tutte le donne obese corrono rischi durante il parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/11/2013 Aggiornato il 06/11/2013

L’obesità per una donna in gravidanza aumenta le probabilità di complicanze e interventi medici durante il parto, ma non per tutte è così

Non tutte le donne obese corrono rischi durante il parto

C’è obesità e obesità, e c’è rischio e rischio. Certo, l’obesità per una donna in gravidanza aumenta le probabilità di complicanze e interventi medici durante il parto. Eppure uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Oxford e pubblicato sul “British Journal of Obstetrics and Gynaecology”, ha messo in evidenza che i rischi non sono identici per tutte le donne obese.

I rischi non sono uguali per tutte

I risultati di tale studio mostrano che per le neomamme in buona salute l’aumento dei pericoli correlati all’obesità non è così significativo come ipotizzato sinora. Vale a dire che per le donne obese che non hanno patologie legate all’obesità e che non abbiano subito un precedente parto cesareo, il rischio è modesto. Secondo Jennifer Hollowell, autrice dello studio, “l’incremento del rischio durante il parto è risultato abbastanza modesto per le donne obese non affette da malattie come ipertensione e diabete e che non hanno subito un precedente parto cesareo; il rischio è ulteriormente ridotto per le donne che avevano già partorito in precedenza”.

Quanto incide la prima gravidanza

I risultati dello studio sottolineano anche che il rischio durante il parto per le donne sane è costituito più dalla prima gravidanza che dal fatto di essere obese o meno.

Un problema in continuo aumento

Sovrappeso e obesità sono causa di disabilità fisica e di ridotta capacità lavorativa e predispongono l’insorgenza di numerose patologie croniche tra le quali i disturbi cardiovascolari ed endocrino-metabolici che riducono notevolmente l’aspettativa di vita. La diffusione dell’obesità ha ormai raggiunto un carattere epidemico in numerosi Paesi occidentali, ma non solo. Le cause principali di questa diffusione sono da ricercarsi principalmente nelle abitudini alimentari contraddistinte da un consumo di cibi altamente energetici e nella sedentarietà.

In breve

L’OBESITA’ IN CIFRE

L’obesità ha assunto i caratteri di una vera e propria epidemia mondiale. Secondo le rilevazioni dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) sovrappeso e obesità sono responsabili in Europa dell’80% dei casi di diabete tipo 2, del 35% dei casi di malattie ischemiche cardiache e del 55% di malattie ipertensive. A questi si aggiungono i pesanti costi economici e sociali: il 2-8% dei costi sanitari e il 10-13% dei decessi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti