Ospedale per il parto: non sottovalutare l’accoglienza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/07/2014 Aggiornato il 23/07/2014

Gravidanza e accoglienza parto: secondo gli esperti, quando le mamme scelgono l’ospedale in cui partoriranno devono considerare anche questo aspetto. Ecco perché

Ospedale per il parto: non sottovalutare l’accoglienza

Molte la sminuiscono, invece la scelta dell’ospedale per il parto è molto importante. La mamma, infatti, deve sentirsi completamente a proprio agio e sicura in quel momento così delicato ed emozionante. Per questo, fra i vari aspetti che deve prendere in considerazione per la sua decisione, non deve dimenticare quello dell’accoglienza. Lo hanno ricordato gli esperti riuniti in occasione del XIX Congresso nazionale “Benessere e bellezza in gravidanza”, organizzato dall’Agico, l’Associazione ginecologi consultoriali.

È una libera scelta

I futuri genitori possono decidere non solo a quale medico affidarsi per i controlli in gravidanza, ma anche l’ospedale o la clinica in cui avverrà il parto. Ideale sarebbe mantenere una certa continuità: se possibile, è bene effettuare visite, controlli, ma anche corsi pre-parto e di accompagnamento alla nascita e al parto nella stessa struttura o in strutture che sono affiliate o in collegamento fra loro. In questo modo, la coppia si sente maggiormente rassicurata e a proprio agio. In ogni caso, occorre tenere presente che al momento del parto non è scontato che siano presenti il ginecologo o l’ostetrica che hanno seguito tutta la gestazione. Soprattutto negli ospedali pubblici, infatti, l’evento sarà gestito dal personale di turno.

I consigli degli esperti

In genere, alla donna incinta si consiglia di considerare una serie di elementi per scegliere l’ospedale in cui partorire. Sicuramente è importante individuare la struttura che meglio risponde alle proprie esigenze e aspettative. Per esempio, se si vuole l’epidurale, occorre rivolgersi ai reparti che dispongono di un servizio di analgesia 24 ore su 24, mentre se si desidera il rooming in a quelli che permettono di tenere il bimbo sempre con sé. Le mamme dovrebbero però fare attenzione anche a un altro aspetto. “Quello di cui le donne incinte hanno veramente bisogno è l’accoglienza, ancor più del ricovero. Le future mamme vivono un momento molto importante e delicato, le strutture dove andranno a partorire devono essere adeguate” ha spiegato Luigi Cersosimo presidente di Agico.

In breve

NON TROPPO LONTANO

È consigliabile scegliere un ospedale non troppo distante dal proprio domicilio: in questo modo, quando iniziano le contrazioni o si rompono le acque si ha tutto il tempo per arrivare al pronto soccorso.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti