Papà in sala parto: uno su due è distratto da tablet e smartphone

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/01/2013 Aggiornato il 17/01/2013

Secondo gli esperti, sono sempre più numerosi i papà in sala parto che, invece di sostenere la compagna, armeggiano con le tecnologie digitali

Papà in sala parto: uno su due è distratto da tablet e smartphone

 

Dovrebbero incoraggiare la compagna, rassicurandola se è agitata o spronandola se è stanca. Invece, molti papà in sala parto preferiscono dedicarsi a tablet e smartphone, perdendosi le fasi clou della nascita del figlio. Lo sostiene Maurizio Gnazzi, segretario regionale Lazio dell’Associazione italiana ostetriche (Aio) e ostetrico dell’ospedale Cristo Re di Roma.

Per vincere l’ansia, per fare foto e per dipendenza

Secondo l’esperto, almeno un papà su due, in sala parto, è distratto dagli strumenti tecnologici che ha portato con sé. In alcuni casi, si tratta di un espediente per combattere l’ansia del momento e vincere la paura. In altri casi, invece, chattare, navigare in internet e giocare ai videogiochi sono esigenze irrinunciabili: l’uomo patito del mondo digitale non riesce a rinunciarvi nemmeno in frangenti così delicati e speciali. Ci sono, poi, i papà in sala parto “ossessionati” di foto e video, che non si staccano da videocamere e telefonini, cercando di “fissare” ogni attimo del travaglio e della nascita.

I rischi principali

Indipendentemente dalla ragione, l’uso eccessivo di questi strumenti in sala parto comporta alcuni svantaggi. Innanzitutto, chi è troppo preso da tablet e telefonini, spesso, finisce con il non vivere fino in fondo l’esperienza magica della nascita del figlio. In secondo luogo, non è in grado di sostenere la compagna durante il travaglio e il parto. Addirittura può infastidirla: avere accanto un uomo che non fa altro che guardare altrove o filmare ogni smorfia di dolore e ogni spinta, spesso, aumenta l’ansia e il malessere provati. È importante, invece, che il papà sia una presenza confortante per la mamma. La può aiutare fisicamente, per esempio facendole un massaggio o sostenendola se vuole camminare. Ma anche psicologicamente, distraendola con racconti divertenti, incoraggiandola, lodandola.

Meglio non esagerare

Come comportarsi dunque? La

tecnologia  non è vietata in assoluto, ma va usata con buon senso. “Un travaglio può durare anche 12 ore. Trascorrere, quindi, qualche minuto al telefono per comunicare con i parenti o per distrarsi non è certo un male. E anche fare video o foto della nascita è un modo, per i papà, di difendersi dalla visione diretta di un evento che è comunque, per molti, traumatico” suggerisce Gnazzi. È importante, però, non esagerare e, soprattutto, mettere le esigenze della donna al primo posto. 

In breve

LA DONNA VA SEMPRE ACCONTENTATA

In sala parto è la donna che “comanda”. Visto che è lei che soffre e fatica, è giusto che il papà assecondi tutte le sue richieste. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti