Parto in casa: non per tutte

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/08/2019 Aggiornato il 13/08/2019

Ogni donna vorrebbe vivere la nascita del proprio bambino nel modo migliore possibile e tante sognano di farlo nell'intimità della propria casa. Ma non bisogna mai perdere di vista la sicurezza, perché il parto è sì un evento naturale, ma anche imprevedibile

Parto in casa: non per tutte

Solo se sussistono determinate condizioni la donna può scegliere il parto in casa senza mettere a rischio la propria salute e la vita del bebè.  Devono quindi necessariamente sussistere determinate condizioni: in caso contrario, il parto in casa può essere rischioso sia per la mamma sia per il bebè e quindi bisogna andare in ospedale. Al riguardo, poi, non cambiano pareri e opinioni, spesso contrapposti.

Non tutti sono d’accordo

Se per alcuni il parto in casa è la scelta più naturale possibile, altri non nascondono qualche perplessità. Per la Società italiana di neonatologia (Sin), per esempio, si tratta di un’opzione troppo rischiosa, che può mettere in pericolo sia la mamma sia il bambino. L’Associazione nazionale Ostetriche parto a domicilio e casa maternità, invece, sostiene che partorendo in casa non si corrono rischi, a patto che si rispettino alcune regole.

Solo se mamma e bebè stanno bene

In primo luogo, è essenziale che sia la donna sia il bambino siano in ottime condizioni di salute e che la gravidanza sia fisiologica, ossia che nel corso dei nove mesi non si siano verificati particolari problemi. Inoltre, la casa non deve distante troppo da una struttura attrezzata per le emergenze, così che in caso di necessità si possa intervenire facilmente e velocemente.

Bisogna affidarsi a ostetriche esperte

Occorre poi affidarsi solamente a personale qualificato, in grado di assistere la futura mamma, prima, durante e subito dopo il parto in casa. In realtà, non esiste una scuola che forma le ostetriche in questo senso. L’ideale, dunque, è rivolgersi a figure che abbiano fatto un percorso in centri di II livello o che abbiano affiancato professioniste di consolidata esperienza per diverso tempo. “Fondamentale è affidarsi alle mani esperte di ostetriche in grado di gestire la situazione e che accompagnino la gestante in un percorso che inizia ben prima del parto” ha confermato Marta Campiotti, fondatrice e presidente dell’Associazione nazionale Ostetriche parto a domicilio e casa maternità.

 

 

In breve

UNA SCELTA SEMPRE PIU’ FREQUENTE

Oggi sono sempre più numerose le coppie che prendono in considerazione l’opzione del parto in casa. Le ragioni? Il desiderio di vivere questo evento nella maniera più naturale possibile, in un contesto famigliare, intimo e non medicalizzato.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti