Parto cesareo: rischi triplicati nelle mamme over 40

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/09/2014 Aggiornato il 15/09/2014

Maggiori rischi di parto cesareo d’urgenza e complicazioni se la futura mamma ha più di 40 anni 

Parto cesareo: rischi triplicati nelle mamme over 40

Diventare mamme oltre i 40 anni di età provoca dei rischi che le donne non devono sottovalutare. E gli stili di vita interessano fino ad un certo punto, secondo i medici, perché è l’avanzare stesso dell’età a innalzare le probabilità di avere difficoltà e complicanze, come il parto cesareo d’urgenza. È una notizia da tenere in considerazione soprattutto in Italia, dove le gravidanze tardive sono sempre più comuni

.

Più di 160 mila donne coinvolte

La notizia arriva da uno studio del Norwegian Resource Centre for Women’s Health, pubblicato sul British Journal of Obstetrics and Gynaecology. La ricerca ha coinvolto più di 160mila primipare, cioè donne al primo figlio. I risultati hanno disegnato un quadro su cui è importante riflettere. Dai dati è emerso infatti che le donne in età avanzata hanno il 22,4 per cento di probabilità in più di subire un parto cesareo d’emergenza contro solo un 6,7 per cento di rischio tra le donne di età compresa tra i 20 e i 24 anni.

Più rischi anche con stili di vita corretti

Secondo questa nuova ricerca, quindi, le neomamme che hanno oltre i 40 anni d’età hanno un rischio triplicato di aver bisogno di un parto cesareo d’urgenza, anche se seguono stili di vita sani rispetto le donne più giovani. Questo significa che è l’età stessa a creare problemi, probabilmente per una sorta di “invecchiamento” del corpo, e non le cattive abitudini protratte nel tempo. La ragione? Gli esperti ritengono che possa esserci un legame con l’indurimento dei tessuti delle arterie e un indebolimento delle contrazioni, situazioni provocate proprio dal passare degli anni.

Maggiore utilizzo del forcipe

Ma c’è di più. Lo studio ha messo in evidenza che le neomamme con età superiore ai 40 anni non solo possono ricorrere più facilmente al parto cesareo, ma hanno anche più probabilità di aver bisogno del forcipe, lo strumento utilizzato in ginecologia, inventato nel lontano 1600 quando già a quel tempo si scoprì che poteva essere utile per far scendere la testa del bambino. In questo modo il parto è agevolato e, se il bambino è in sofferenza, si possono accelerare i tempi di espulsione.

La grande pinza che aiuta il parto

Il forcipe è costituito da due braccia metalliche incrociate che funzionano come una grande pinza in grado di cingere la testa del bambino favorendo la sua fuoriuscita in tempi brevi. Questa azione non è totalmente priva di rischi, pertanto i medici preferiscono ricorrere a un parto cesareo (se questo è possibile) oppure alla ventosa che è il secondo strumento a disposizione dei dottori per favorire la fase espulsiva del parto. C’è da ammettere che in Italia l’uso del forcipe è meno comune che in Gran Bretagna, dove è stata eseguita la ricerca, in quanto nel nostro Paese si ricorre con maggiore facilità, in caso di problemi durante il parto, al taglio cesareo. 

In breve

MAGGIORI CONTROLLI DOPO I 40 ANNI

Le neomamme che hanno oltre i 40 anni d’età hanno un rischio triplicato di aver bisogno di un parto cesareo d’urgenza, anche se seguono stili di vita sani. Per questo servono maggiori controlli durante la gravidanza e anche al momento del parto, proprio per evitare complicazioni.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti