Parto: è davvero un momento critico per gli occhi?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/10/2019 Aggiornato il 11/10/2019

Il parto costituisce un momento molto emozionante, ma anche impegnativo per la donna. A differenza di quanto sostengono alcuni, però, non comporta un affaticamento e nemmeno un pericolo per la salute degli occhi e per la vista

Parto: è davvero un momento critico per gli occhi?

In passato si pensava che le spinte effettuate al momento del parto potessero mettere in pericolo la salute degli occhi. Nella maggior parte dei casi, invece, non è così. Solo in rarissimi casi il parto naturale comporta dei rischi per le partorienti che soffrono di problemi di vista, in particolare di miopia elevata. Il bulbo oculare delle donne miopi, infatti, tende ad allungarsi posteriormente, facendo stirare anche la retina. Questo stiramento (che aumenta al crescere del difetto visivo) potrebbe provocare micro-lacerazioni periferiche potenzialmente rischiose. Infatti, al momento del parto, a causa delle spinte necessarie per far venire alla luce il bebè, potrebbe comparire un aumento della pressione del microcircolo vascolare retinico, cosa che può portare a una rottura o addirittura a un distacco della retina.

Possono rompersi i capillari

È vero, però, che durante il parto, gli occhi possono andare incontro a un problema transitorio: la rottura dei capillari, che causa una chiazza rossastra sulla parte bianca degli occhi. Non è assolutamente un problema, se non dal punto di vista estetico, e scompare da sé in modo graduale, nell’arco di un mese circa. Non è necessario perciò sottoporsi ad alcun trattamento.

Complicanze rare e prevenibili

In ogni caso, le donne che soffrono di miopia devono sempre farlo presente al ginecologo. Inoltre, dovrebbero chiedere un consiglio all’oculista. I due specialisti, se ritengono la situazione a rischio, potrebbero consigliare un parto cesareo, proprio al fine di prevenire eventuali danni agli occhi.

La miopia non peggiora

Per molto tempo si è pensato che la miopia potesse peggiorare seriamente e irrimediabilmente nei nove mesi di gestazione e durante il parto e che nelle future mamme fosse maggiore il rischio di un distacco di retina, la membrana sottile situata all’interno degli occhi. In realtà, gli esperti ritengono questi timori infondati, pur riconoscendo che l’organo visivo subisce delle modificazioni durante la gravidanza. Si tratta, però, quasi sempre di problemi transitori.

 

In breve

NESSUN PROBLEMA DURANTE L’ALLATTAMENTO

Esattamente come il parto, anche l’allattamento può essere considerato un periodo sicuro per gli occhi e la vista: non causa un peggioramento della miopia, se non in rari casi.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti