Parto in casa, allarme dei neonatologi: può essere rischioso

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/06/2019 Aggiornato il 06/06/2019

In occasione della Giornata Mondiale del Parto in Casa gli specialisti della Sin, Società italiana di neonatologia, ribadiscono i pericoli legati a questa scelta

Parto in casa, allarme dei neonatologi: può essere rischioso

I neonatologi italiani lanciano l’allarme sul parto in casa, di cui si celebra oggi la Giornata Mondiale. Una scelta che, secondo la Sin (Società italiana di neonatologia), mette a rischio la salute del bambino e della mamma. Anche se la percentuale è ancora bassa rispetto al totale dei neonati (0,1%), la tendenza è in crescita e si stimano in Italia circa 500 parti a domicilio o in case maternità all’anno. Importante, quindi, ribadire le criticità legate a questa scelta.

Complicanze impreviste

I neonatologi italiani lanciano un allarme sul parto in casa perché, anche se la maggior parte delle donne sane ha un parto fisiologico e una gravidanza senza problemi (del resto, la gran parte delle nascite potrebbe avvenire senza la necessità di interventi medici), non è mai possibile escludere con certezza la possibilità che si presentino delle complicazioni, che mettono a rischio la salute di mamma e bambino e implicano un immediato trasferimento in ospedale. Il trasferimento, peraltro, è un evento frequente nelle nullipare (ossia donne al primo parto), con un’incidenza di circa il 40%, meno nelle pluripare (10%).

Più sicuro l’ospedale

Non solo i neonatologi italiani lanciano un allarme sul parto in casa. Anche l’American academy of pediatrics e l’American college of obstetricians and gynecologists sostengono che l’ospedale è il posto più sicuro dove partorire: per quanto il rischio assoluto possa essere basso, è prevista una variabile associata a un aumentato rischio di patologie neonatali.

6 indicazioni da seguire

Tuttavia, qualora una donna decida di optare per il parto a domicilio, ecco come affrontare la nascita nelle condizioni di maggiore sicurezza possibile.

  1. La donna deve essere informata sui rischi del parto a domicilio e sull’organizzazione dello stesso nella città dove intende partorire.
  2. Deve esservi un presidio ospedaliero attrezzato facilmente raggiungibile.
  3. Deve essere garantito un trasporto rapido in ospedale a opera di personal esperto e addestrato nelle manovre di rianimazione.
  4. Occorre allertare in forma preventiva l’ospedale con un reparto di terapia intensiva neonatale più vicino.
  5. La futura mamma deve rivolgersi a un’ostetrica con formazione specifica nel parto a domicilio e documentata capacità di manovre rianimatorie neonatali.
  6. È necessario garantire al neonato e alla mamma, nelle ore immediatamente dopo il parto, tutti i controlli necessari e di routine.

da sapere!

Un’alternativa al parto in casa è rappresentata dalla nascita nelle Case maternità, dove si tiene conto non solo dell’esigenza di intimità della gestante ma anche della sicurezza di mamma e bebè.

 

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti