Parto naturale senza dolore? Si, è possibile!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/05/2013 Aggiornato il 23/05/2013

  Scegliere il parto naturale non significa dover per forza soffrire. Esistono metodi dolci alternativi all’epidurale cui ricorrere durante il travaglio

Parto naturale senza dolore? Si, è possibile!

 

Da tempo è possibile scegliere di ridurre il dolore del travaglio, anche se si vuole un parto naturale. L’epidurale (un’anestesia locale che interessa solo l’area sollecitata durante il travaglio, ovvero dal bacino in giù) è la soluzione più utilizzata, ma necessita di farmaci, con tutto ciò che ne consegue. Per un parto naturale senza dolore sono sempre più diffusi invece i cosiddetti metodi “dolci”, tecniche adatte a un parto naturale, non farmacologiche, per il contenimento del dolore. Pur non riuscendo ad annullarlo del tutto, vengono apprezzate per la loro “non invasività” e la mancanza di effetti collaterali a carico della futura mamma o del feto. Oltre al parto in acqua, si possono utilizzare l’ipnosi e l’agopuntura.

Con l’ipnosi

Tramite la suggestione, l’ipnosi permette di raggiungere un particolare stato di coscienza, a metà strada tra il sonno e la veglia, che induce un profondo rilassamento interiore capace di attenuare i timori e le ansie connesse al parto.

I corsi per le gestanti basati su questa tecnica si fondano su un ciclo di sedute con un terapeuta specializzato: una volta verificato il grado di “ricettività ipnotica” della donna, l’esperto la stimola a immaginare, attraverso una serie di visioni o “sogni guidati”, il momento del parto al fine di ridimensionare la cosiddetta “ansia anticipatoria”, eliminando le eventuali fonti di stress.

L’ipnosi può essere utilizzata anche durante il travaglio: essa attiva nella donna dei meccanismi che la mantengono calma, ne regolarizzano la respirazione e favoriscono la distensione muscolare, aiutandola a ridurre la sensazione di dolore e ad accelerare le varie fasi del parto.

La partoriente può scegliere se applicare da sola la tecnica appresa negli incontri (autoinduzione) oppure se farsi seguire in sala parto dal terapeuta (il che non è, però, consentito nelle strutture pubbliche): in ogni caso, durante il travaglio, a fasi di “trance” profondo si alternano fasi di trance di tipo “vigile”, che permettono alla futura mamma di partecipare attivamente all’evento tanto atteso.

 

Mediante l’agopuntura

Si tratta di una branca della medicina tradizionale cinese fondata sulla teoria della presenza all’interno del corpo umano di una vasta rete di canali, chiamati meridiani, tramite i quali scorre l’energia vitale del corpo. Grazie alla stimolazione mediante sottilissimi aghi sterili di punti specifici collocati su questi meridiani, l’agopuntura riesce a ricomporre l’equilibrio che regola l’essere umano ponendo le basi per la salute e il benessere psicofisico dell’individuo.

In particolare questo tipo di stimolazione risulterebbe anche aiutare ad alleviare il dolore, alterando i segnali tra le cellule nervose o favorendo il rilascio di varie sostanze chimiche (endorfine) da parte del sistema nervoso centrale. Per questo una delle applicazioni che va diffondendosi è quella in corso di travaglio.

La tecnica va eseguita da un operatore esperto e in alcune strutture esistono centri appositi cui la futura mamma può rivolgersi programmando per tempo questo tipo di trattamento. Va detto, tuttavia, che queste applicazioni sono purtroppo ancora piuttosto difficili da attuare negli ospedali italiani, dove in molti casi il numero di medici agopuntori non è sufficiente per poter garantire assistenza alle gestanti al momento opportuno. 

In breve

A CHI RIVOLGERSI

Per informazioni su questi metodi alternativi:
Agopuntura: Fisa – Federazione italiana delle società di agopuntura, tel. 051 464386.
Ipnosi: Amisi – Scuola europea di psicoterapia ipnotica – tel. 02-2365493,   e Società italiana di ipnosi di Roma, tel. 06-8548205.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti