Parto naturale: un aiuto dall’Odon device

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/02/2014 Aggiornato il 12/02/2014

È una metodica molto più delicata del forcipe o delle ventosa e aiuta la nascita se il bambino è “incastrato”. Per un parto naturale ancora più sicuro

Parto naturale: un aiuto dall’Odon device

Spesso le idee migliori arrivano per caso. Come è successo al meccanico Jorge Odón che, guardano come si estraggono i tappi di sughero scivolati nelle bottiglie, ha trovato un sistema eccezionale per far uscire i bambini durante un parto naturale complicato. Il suo metodo, che si chiama Odon Device, può sostituire ventosa e forcipe ed evitare il ricorso all’intervento cesareo.

Un cilindro con sacchetto

L’Odon Device funziona facilmente. Si tratta di un cilindro di plastica che contiene al suo interno un sacchetto che, una volta inserito nel canale da parto (la struttura che deve attraversare il feto durante la nascita) si apre, circonda dolcemente la testa del bambino come potrebbero fare due mani e l’aiuta a scivolare più agevolmente lungo le pareti vaginali. Il tutto durante il parto naturale senza dover ricorrere all’intervento cesareo.

Approvato dall’Oms

Questo dispositivo è stato approvato dall’Oms, l’Organizzazione mondiale della Sanità che ne ha perfezionato la parte medica e sta provvedendo a farlo testare in diversi ospedali nel mondo. L’Odon device ha infatti un grande potenziale per salvare la vita dei bambini nei paesi in via di sviluppo e per incrementare il parto naturale in tutto il mondo. Si è stimato che potrebbe ridurre del 5-6% il numero totale dei parti cesarei.

Facile e sicuro

A differenza del forcipe e della ventosa, questo strumento può essere manovrato anche dall’ostetrica o da uno studente specializzando, in quanto è facile da usare, sicuro, senza controindicazioni o effetti collaterali per il bambino e per la madre. Senza contare che, quando sarà a regime, sarà anche molto economico da produrre. 

In breve

I RISCHI DI UN PARTO DIFFICOLTOSO

Come afferma l’Oms, una prolungata fase espulsiva può provocare diversi disturbi, come emorragie e infezioni nella mamma e asfissia e traumi nel bebè. Questo nuovo ausilio aiuta ad accelerare il processo qualora vi sia qualche problema. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti