Parto prematuro: è tutta colpa di un singolo batterio?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/07/2013 Aggiornato il 15/07/2013

Spesso il parto prematuro è dovuto alla vaginosi batterica. Due nuovi studi rivelano che questa malattia è causata da un singolo batterio e non da più tipi come si è sempre creduto

Parto prematuro: è tutta colpa di un singolo batterio?

Alla base di un parto prematuro potrebbe esserci un singolo batterio che infetta la vagina della gestante. È quanto sostengono due studi condotti da alcuni ricercatori statunitensi della Washington University di Saint Louis, pubblicati su “Plos One” e sul “Journal of Biological Chemistry”.

Un’infezione della vagina

Il parto prematuro può essere scatenato da tante cause diverse. Fra queste, una abbastanza comune è la vaginosi, ossia un’infezione vaginale a opera di alcuni batteri. Questi ultimi, infatti, possono risalire verso l’utero e rappresentare un pericolo per la salute del bambino e il proseguimento della gestazione. E provocare un parto prematuro.

Le cause non sono ancora certe

A oggi, non si sa ancora con certezza quali possano essere i batteri che scatenano la vaginosi e, in caso di gravidanza, anche parti prematuri. Fra gli esperti è in corso da tempo un dibattito per stabilire i responsabili. Prima d’ora, però, non era stata vagliata l’ipotesi che tutto possa dipendere dall’opera di un singolo batterio. I due nuovi studi potrebbero aiutare a fare chiarezza.

Tutta colpa della Garnerella vaginalis

I ricercatori hanno condotto delle analisi su campioni di fluido vaginale e alcuni test sui topi. Hanno così scoperto che la causa più probabile di vaginosi è rappresentata dall’azione di un singolo batterio: la Gardnerella vaginalis. Secondo gli autori “Questo studio è il primo passo per capire come eliminare questa patologia, che colpisce una donna ogni tre, e gli effetti gravi che provoca”. A volte, infatti, per evitare un parto prematuro non basta nemmeno il riposo assoluto. 

In breve

NON TRASCURARE I SINTOMI

Che dipenda da un singolo batterio o da più germi, la vaginosi batterica non va mai trascurata in gravidanza perché può portare a parti prematuri. In caso si avvertano sintomi come bruciori, dolori e perdite maleodoranti, è bene andare subito dal ginecologo. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti