Parto prematuro: il progesterone riduce il rischio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/09/2019 Aggiornato il 26/09/2019

Utilizzare il progesterone vaginale per ridurre il parto prematuro. Le raccomandazioni dei medici

Parto prematuro: il progesterone riduce il rischio

Le  indicazioni terapeutiche per limitare il parto prematuro suggeriscono l’utilizzo del progesterone. Lo ribadisce anche la Società italiana di medicina perinatale (Simp) che indica nell’utilizzo del progesterone una misura efficace per limitare le nascite pretermine, fenomeno che in Italia coinvolge circa il 5-6% delle gravidanze e che rappresenta la principale causa di mortalità e morbilità neonatale: la somministrazione di progesterone vaginale può ridurre del 34% i parti prima del termine. Il fenomeno del parto prematuro nel nostro Paese riguarda ogni anno 30-35mila nascite; di queste, circa 5.000-6.000 avvengono prima della 26° settimana e rappresentano i casi più problematici in termini di sopravvivenza e conseguenze sulla salute del bimbo.

Applicazioni locali

Come spiega Fabio Facchinetti, responsabile del Responsabile del Centro Nascita del Dip. Materno Infantile dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Modena, “dopo più di 15 anni di ricerche e studi è riemerso l’interesse sull’utilizzo del progesterone. Oggi esistono indicazioni incontrovertibili che confermano che l’assunzione di progesterone in gravidanza ha la capacità di evitare un discreto numero di nascite pretermine”.

In particolare l’utilizzo del progesterone vaginale ha la capacità di ridurre più di un terzo dei parti pretermine nelle donne alle quali, pur non avendo nessun tipo di sintomo, viene diagnosticato un accorciamento della cervice uterina. “Inoltre – conclude lo studioso – il trattamento è risultato efficace anche per le gravidanze singole che hanno già affrontato un parto prematuro”.

In breve

Per tutte le future mamme

Il progesterone vaginale, oltre a ridurre il rischio di parto prematuro, non presenta controindicazioni per la salute della madre e del bambino sia durante la gravidanza sia dopo la nascita.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Fai la tua domanda agli specialisti