Placenta: che cos’è e come influenza parto prematuro e nascita del bimbo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/07/2014 Aggiornato il 09/07/2014

La placenta ha una composizione di batteri differente da donna a donna. Nuovi studi ne hanno evidenziato l’influenza su nascita e parto prematuro

Placenta: che cos’è e come influenza parto prematuro e nascita del bimbo

La placenta non è sterile, è questo l’assunto da cui partono nuovi studi e ricerche finalizzati a individuare le cause dei parti prematuri. In realtà, infatti, la placenta è ricca di batteri e la composizione di tale flora batterica varia da donna a donna.

Influenza la nascita e non solo

La placenta è fondamentale per la sopravvivenza in utero del feto ma diventa anche un parametro importantissimo per la nascita, a termine o prematura, e per la salute futura del bambino, soprattutto riguardo la sua flora intestinale. Lo studio è incentrato sul microbioma (i batteri, i funghi e i virus che popolano la placenta), che pare essere correlato con la possibilità che si verifichi un parto prematuro.

Attenzioni alle infezioni in gravidanza

Il fatto che i batteri e i virus abitino nella placenta rende ancor più necessaria la cura delle infezioni durante la gravidanza. In caso, infatti, di patologie periodontali e di infezioni urinarie, la donna andrebbe incontro a un probabile parto prematuro.

Eredità microbica

Ma i batteri presenti nella placenta non hanno soltanto rilevanza sul momento del parto, anzi. Questi microbi fungono anche da “eredità” importante per la flora intestinale del bambino. Questa scoperta è avvenuta grazie alla constatazione che i batteri presenti nell’intestino del neonato non sono del tutto speculari a quelli presenti in vagina.

I dati della ricerca

Per giungere a queste conclusioni, i ricercatori hanno analizzato la placenta di più di 300 donne che avevano partorito prematuramente o con taglio cesareo. Nella loro placenta sono stati individuati 300 tipi differenti di batteri, più o meno pericolosi. Tra questi ultimi, i più incisivi sul parto prematuro sembrano essere quelli provenienti dal cavo orale.

 

In breve

CURARE L’IGIENE ORALE

La placenta ha una sua flora batterica in grado di influenzare la nascita e il parto prematuro. Molto incisivi sono i batteri provenienti dalla bocca della mamma: chi soffre di patologie ai denti, quindi, rischia un parto pre-termine. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti