Presentazioni e posizioni del bebè nel canale del parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

Sono diverse le posizioni in cui può mettersi il feto per nascere... Talvolta è necessario il ricorso al cesareo

controlli trimestre

POSIZIONI-FETO

Cefalica

È la presentazione più diffusa: si riscontra, infatti, nel 95 per cento dei casi. Si determina quando è la testa (occipite) del bambino a progredire per prima nel canale del parto. La presentazione cefalica può essere anche di fronte e di faccia, in base al grado di deflessione, cioè di piegamento, della testa del bimbo.

Fronte-faccia

Si ha quando la parte presentata è la zona superiore del viso del bambino, cioè la fronte oppure la faccia. Questo tipo di presentazione può provocare complicazioni durante il parto, perciò nella maggior parte dei casi si procede con il taglio cesareo. In questo caso è possibile che il bambino nasca con il visino arrossato e un po’ gonfio, a causa della differenza di pressione presente tra la cavità dell’utero e l’esterno. Tali arrossamenti scompaiono naturalmente entro 48 ore, non è il caso, quindi, di preoccuparsi.

Podalica

Questo tipo di presentazione si verifica nel 3-5 per cento dei casi e avviene quando le parti del corpo del feto che si presentano per prime nel canale del parto sono il podice, cioè il sederino, o gli arti inferiori, cioè i piedini o le ginocchia. La posizione è longitudinale, come nella presentazione cefalica, ma opposta a quest’ultima: il bimbo, cioè, non è a testa in giù. In questo caso si ricorre quasi sempre al parto cesareo per evitare lesioni al bambino. Se il bimbo è piccolo o la mamma ha avuto altri parti, il ginecologo può decidere di procedere ugualmente con il parto per via naturale.

Come si individua

La posizione podalica del bebè viene, di norma, individuata tramite l’ecografia eseguita nell’ultimo trimestre. Un’ulteriore conferma avviene durante il travaglio: infatti, tra l’ultima ecografia e il momento del parto il bimbo può muoversi cambiando ancora posizione. In caso di dubbi, il ginecologo può far eseguire un’ecografia al momento del travaglio.

Quando è possibile correggerla

In alcuni casi è possibile far cambiare posizione al bebè: tra la 34a e la 36a settimana di gestazione, quando c’è ancora abbastanza liquido amniotico da consentire una manovra che fa spostare il bambino di 180 gradi, facendogli assumere, quindi, la posizione cefalica. Se la manovra riesce, difficilmente il feto tornerà in posizione podalica, anche perché il liquido amniotico scarso e lo spazio ridotto non gli permettono più di muoversi. Lo spostamento del bambino avviene per mezzo di manovre effettuate dal ginecologo sull’addome della mamma.

Di spalla

Si tratta di una presentazione molto rara. Quando si verifica, il ginecologo può procedere con una manovra al fine di far cambiare posizione al bambino oppure decidere direttamente di ricorrere al parto cesareo. L’ideale è riuscire a spostare il bimbo in posizione longitudinale, poiché quando la presentazione è di spalla significa che il feto è disposto trasversalmente rispetto all’utero, cosicché la parte presentata all’ingresso del canale del parto, la spalla del bambino, impedisce il parto naturale.

Di arto

Si verifica spesso come conseguenza della presentazione di spalla. In questo caso può succedere che, dopo la rottura del sacco amniotico, un arto del bambino si infili nel canale del parto. Anche in questo caso, di norma, si procede con il taglio cesareo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti