Qual è il ruolo della doula?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/10/2013 Aggiornato il 21/10/2013

La doula è una figura antica, che accompagna la donna in gravidanza, durante il parto e quando il bambino è già nato. Non va però confusa con l’ostetrica

Qual è il ruolo della doula?

È più che un’amica. È un’assistente, un’accompagnatrice, una figura di supporto per la donna nel momento del parto, ma anche prima e dopo. La doula è una figura poco conosciuta in Italia, ma molto diffusa nei Paesi anglosassoni. Si propone di cooperare con i professionisti sanitari (ostetriche, ginecologi) per aumentare il benessere della donna nel momento del travaglio e del parto. Il termine deriva dal greco e in passato si riferiva alla serva più importante della casa, che non solo puliva, rammendava e cucinava, ma seguiva le donne durante la nascita dei figli. Oggi indica una figura di supporto della mamma nel pre e post parto.

Durante la gravidanza

Nei nove mesi la doula insegna le tecniche di respirazione e rilassamento, fornisce consigli su come alleviare i piccoli disturbi dell’attesa (nausea, mal di schiena, stanchezza), illustra le varie posizioni da assumere durante il travaglio e prepara psicologicamente la futura mamma al momento del parto.

Durante il travaglio

In questa fase la doula assiste la donna dal punto di vista psicologico, l’aiuta a trovare la posizione migliore per  mitigare il dolore, la conforta e la sostiene.

Dopo il parto

Nel post partum segue la donna nella cura del bambino e nell’avvio dell’allattamento. È di sostegno psicologico anche per il neopapà e la famiglia. La doula non va confusa con l’ostetrica: a differenza di quest’ultima, infatti, non è una figura riconosciuta a livello statale, non ha l’abilitazione ottenuta con la laurea in ostetricia e l’esame di stato, ma ha frequentato corsi di formazione di 6-8 weekend.

In breve

NON PUO’ ASSISTERE LA DONNA IN OSPEDALE

La doula può lavorare solo in ambito privato o assistenziale e non può assistere la donna in ospedale, se non come accompagnatrice, senza intervenire nella conduzione del parto, che è appannaggio delle ostetriche e dei medici del reparto.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti