Quando andare in ospedale per partorire

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

Se si rompono le acque o se le contrazioni sono ravvicinate e molto dolorose è bene non perdere tempo e recarsi in ospedale

Quando andare in ospedale per partorire

Se si perdono le acque

La fuoriuscita del liquido amniotico può essere simile ad un lento sgocciolamento o a un fiotto più drastico. La rottura avviene quando il collo dell’utero si dilata di 3-4 centimetri circa.

Se le contrazioni sono ravvicinate

Salvo accordi particolari con il ginecologo, la mamma deve recarsi in ospedale a travaglio avviato. In questa fase le contrazioni si fanno più ravvicinate e dolorose. Tuttavia, non occorre farsi prendere dal panico e correre in ospedale alla comparsa delle prime contrazioni. Bisogna, infatti, attendere che esse si presentino ogni 5 minuti circa e che durino almeno 30 secondi l’una.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti