Quando andare in ospedale per partorire

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/01/2015 Aggiornato il 09/01/2015

Se si rompono le acque o se le contrazioni sono ravvicinate e molto dolorose è bene non perdere tempo e recarsi in ospedale

Quando andare in ospedale per partorire

Se si perdono le acque

La fuoriuscita del liquido amniotico può essere simile ad un lento sgocciolamento o a un fiotto più drastico. La rottura avviene quando il collo dell’utero si dilata di 3-4 centimetri circa.

Se le contrazioni sono ravvicinate

Salvo accordi particolari con il ginecologo, la mamma deve recarsi in ospedale a travaglio avviato. In questa fase le contrazioni si fanno più ravvicinate e dolorose. Tuttavia, non occorre farsi prendere dal panico e correre in ospedale alla comparsa delle prime contrazioni. Bisogna, infatti, attendere che esse si presentino ogni 5 minuti circa e che durino almeno 30 secondi l’una.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti