Rischio di parto prematuro: un test delle urine lo predice

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/08/2014 Aggiornato il 25/08/2014

Gravidanza: nelle urine ci sono alcune molecole che possono indicare se una donna è a rischio di parto prematuro o se il bimbo cresce poco entro i primi tre mesi

Rischio di parto prematuro: un test delle urine lo predice

Esiste un test che permette di capire se la donna è a rischio di un parto prematuro o perlomeno quale sarà l’andamento della gravidanza e le possibilità di crescita del bambino. Lo afferma un recente studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Imperial College di Londra e dell’Università di Creta, pubblicato sulla rivista scientifica Bmc Medicine.

Il segreto sta in alcune molecole

Secondo i ricercatori nelle urine delle donne incinte ci sarebbero alcune molecole che possono indicare se sono a rischio di parto prematuro o se il loro bambino cresce poco nel grembo entro i primi tre mesi di gravidanza. Sotto la lente di ingrandimento dei ricercatori sono finit ii metaboliti, piccole molecole presenti nelle urine, di 438 donne incinte di Creta.

I rischi possibili

I test sono stati condotti in occasione della prima ecografia, al terzo mese di gravidanza. Secondo i risultati, le donne con diminuzione dei livelli dei metaboliti nelle urine hanno mostrato segnali di un aumentato rischio di diabete; i risultati hanno altresì mostrato che elevati livelli di lisina sono associate a un possibile rischio di parto prematuro. Secondo alcuni test, livelli elevati di una glicoproteina N-acetilato, una molecola costituita da un carboidrato e una proteina, sono stati trovati in donne che dovevano essere indotte al parto preocement, mentre la diminuizione dei livelli di un terzo gruppo di molecole – acetato, formiato, tirosina e trimetilammina – è stata associata a uno scarso sviluppo fetale.

Il commento degli esperti

Secondo gli esperti un aiuto prezioso arriva dalla tecnologia dei profili metabolici: “I nostri risultati derivanti dal test implicano che potrebbe essere possibile migliorare l’identificazione delle donne a più ad alto rischio di partorire bambini molto piccoli o di parto prematuro, utilizzando la tecnologia dei profili metabolici non invasiva all’inizio della gravidanza” ha detto Hector Keun, ricercatore dell’Imperial College di Londra e uno degli autori dello studio.

I vantaggi del test

In sostanza, il test delle urine predice il rischio di parto prematuro con vantaggi importanti. Secondo gli esperti dell’Imperial College di Londra, infatti,  “identificare i rischi all’inizio della gravidanza, potrebbe ridurre le complicanze e contribuire a una migliore gestione delle eventuali difficoltà, anche se sono necessari ulteriori studi prima che questi risultati siano utilizzati in ambito clinico”. 

In breve

QUANDO IL PARTO È PREMATURO

Si definisce prematuro un parto che si verifica prima della 37a-38a settimana di gravidanza. Le cause possono essere molteplici.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti