Il secondamento, ultima fase del parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

L’ultima fase del parto (il secondamento) consiste nell’espulsione della placenta e degli annessi fetali, quegli “strumenti” (cordone e membrane del sacco amniotico) che hanno mantenuto in vita e protetto il bambino nei nove mesi

Parto: in che cosa consiste il secondamento?

Il secondamento avviene, in genere, entro 20-30 minuti dal parto e la mamma non deve intervenire in maniera attiva, perché gli annessi fetali si staccano da soli per effetto della riduzione del volume dell’utero e scendono fino in vagina. Vengono espulsi grazie alle contrazioni dell’utero, che inizia un processo (destinato a durare diversi giorni) per tornare alle sue normali dimensioni. La neomamma può avvertire brividi o freddo intenso: si tratta di reazioni naturali, che scompaiono in poche ore. Anche in questa fase, è essenziale la presenza dell’ostetrica, che controlla che non vi siano perdite di sangue troppo intense, che l’utero si contragga e che la placenta espulsa sia integra. Può succedere che l’espulsione della placenta sia incompleta e che il ginecologo debba rimuovere i frammenti rimasti in utero con una operazione di “raschiamento uterino” che richiede una blanda anestesia generale. Se il secondamento non avviene spontaneamente, il medico può sollecitarlo con appositi massaggi e con l’impiego di farmaci uterotonici (in grado cioè di far contrarre l’utero). In alcuni casi, comunque piuttosto rari, è necessario intervenire chirurgicamente per rimuovere la placenta.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti