Subito a casa dopo il parto: quando è possibile?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/05/2013 Aggiornato il 14/05/2013

Da tempo si sta affermando la tendenza a ridurre il tempo di degenza in ospedale. Per tornare a casa subito dopo il parto è, però, necessario che ci siano le giuste condizioni

Subito a casa dopo il parto: quando è possibile?

Da tempo va accentuandosi la tendenza a ridurre il tempo della degenza ospedaliera dopo la nascita, ricorrendo alla pratica delle cosiddette “dimissioni precoci” (quelle che avvengono prima delle 48-72 ore di vita del neonato). La scelta di tornare a casa subito dopo il parto, però, deve essere ben ponderata e concordata con il personale sanitario, che deve accertarsi che non esistano controindicazioni. L’obiettivo è quello di restituire all’evento nascita una maggiore “naturalità”; senza contare il fatto che essere a casa subito dopo il parto favorisce lo sviluppo della relazione mamma-neonato, a partire dalla possibilità di avviare l’attaccamento al seno precoce e di seguire l’allattamento “a richiesta”.

Due condizioni alla base

Secondo le “Raccomandazioni per l’assistenza alla neomamma e al neonato” approvate dalle principali associazioni mediche del settore, le dimissioni dopo il parto per definirsi “appropriate” dovrebbero tener conto dei seguenti punti:
– il momento della dimissione di madre e neonato va concordato tra la neomamma e chi presta l’assistenza. In assenza di controindicazioni a prolungare la degenza e in presenza di una reale possibilità di assistenza extra-ospedaliera, per la dimissione dovrebbe esserci solo un limite di degenza massima (3 o 4 giorni in caso di parto naturale, 6 o 7 giorni in caso di cesareo):
– la dimissione precoce, prima delle 48-72 ore di vita del bebè, dovrebbe basarsi sulle caratteristiche individuali di ciascuna madre e del suo neonato, considerando in particolare ciò che desidera la madre, la sua salute, la salute e la stabilità del neonato, l’adeguatezza delle condizioni socio-sanitarie, della struttura abitativa e del supporto domiciliare di cui dispone, un’adeguata assistenza sanitaria nel periodo del puerperio e del post-natale.
Tra le condizioni che favoriscono la possibilità di tornare a casa subito dopo il parto, vi sono poi l’avere già avuto un bambino (e quindi un’esperienza precedente di allattamento al seno) e l’aver frequentato un corso di preparazione al parto in cui siano stati spiegati fenomeni fisiologici (cioè normali) e i problemi caratteristici dei primi giorni di vita di un neonato.

In breve

SI È AFFERMATA UNA NUOVA CONCEZIONE DEL "PERCORSO NASCITA"

Da diversi anni l’esigenza di rivedere il “percorso nascita”  ha portato molte strutture ospedaliere a modificare le proprie procedure di assistenza e a riformulare l’insieme di cure fornite alla neomamma e al bambino nell’immediato post parto. In questa nuova ottica si inserisce la tendenza a favorire le cosiddette “dimissioni precoci”.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti