Il taglio del cordone dopo il parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

Dopo la nascita del bambino si entra nella fase conclusiva del parto, detta anche secondamento

Le nuove linee guida per la donazione del cordone ombelicale

In genere viene eseguito il taglio del cordone ombelicale, il sottile funicolo che ha assicurato durante tutti i nove mesi il passaggio di nutrimento e ossigeno dalla mamma al feto, grazie ai vasi sanguigni che contiene. Sul momento più opportuno per il “taglio” esistono due scuole di pensiero: in alcuni ospedali esso viene reciso subito dopo la nascita, mentre in altri si preferisce aspettare che smetta di pulsare prima di praticare il taglio, perché si ritiene che così sia meno traumatico per il neonato il passaggio dalla vita intrauterina alla respirazione autonoma. In questo modo, infatti, nei primissimi minuti di vita riceve ossigeno attraverso un doppio “canale”. Al contrario, se il cordone viene legato e poi reciso quando ancora pulsa, il neonato non riceve più ossigeno da esso e deve contare solamente sulle sue “forze”. Per questo, si preferisce attendere qualche minuto.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti