Il taglio del cordone dopo il parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/01/2015 Aggiornato il 26/01/2015

Dopo la nascita del bambino si entra nella fase conclusiva del parto, detta anche secondamento

Le nuove linee guida per la donazione del cordone ombelicale

In genere viene eseguito il taglio del cordone ombelicale, il sottile funicolo che ha assicurato durante tutti i nove mesi il passaggio di nutrimento e ossigeno dalla mamma al feto, grazie ai vasi sanguigni che contiene. Sul momento più opportuno per il “taglio” esistono due scuole di pensiero: in alcuni ospedali esso viene reciso subito dopo la nascita, mentre in altri si preferisce aspettare che smetta di pulsare prima di praticare il taglio, perché si ritiene che così sia meno traumatico per il neonato il passaggio dalla vita intrauterina alla respirazione autonoma. In questo modo, infatti, nei primissimi minuti di vita riceve ossigeno attraverso un doppio “canale”. Al contrario, se il cordone viene legato e poi reciso quando ancora pulsa, il neonato non riceve più ossigeno da esso e deve contare solamente sulle sue “forze”. Per questo, si preferisce attendere qualche minuto.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti