Tipologie di episiotomia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/01/2015 Aggiornato il 09/01/2015

L’episiotomia è un taglietto che viene praticato in alcuni casi lungo il perineo (la zona muscolare tra la vagina e l’ano) della mamma, poco prima dell’uscita del bambino

Episiotomia: cos’è e quando viene praticata

Serve per evitare che i tessuti di questa zona si lacerino in maniera incontrollata, con danni maggiori e possibilità di coinvolgimento di altri organi, come il retto (la parte terminale dell’intestino). Si effettua per facilitare la fuoriuscita della testa del bimbo. Viene praticata più spesso se è il primo parto, in quanto in questo caso i tessuti sono più rigidi. L’episiotomia è necessaria anche in caso di parto “strumentale”, quando cioè il bimbo viene aiutato a nascere con l’ausilio della ventosa. In occasione di un parto successivo, di solito è più probabile non eseguire di nuovo l’episiotomia, in quanto i tessuti sono più elastici.

Episiotomia può essere di tre tipi

L’episiotomia è un taglietto di due-tre centimetri, che viene effettuato con la forbice in anestesia locale, anche se comunque non risulta doloroso a causa della tensione cui sono sottoposti i tessuti di questa zona. L’episiotomia può essere di tre tipi: mediana, paramediana o laterale. La scelta tra un tipo o l’altro di incisione dipende dall’abilità e dall’esperienza dell’ostetrica, così come dalla dinamica del parto e dallo stato dei tessuti materni.

  1. mediana: l’incisione viene praticata dalla vagina in direzione dell’ano e si ferma un po’ prima. Causa minori perdite di sangue, ma, qualora l’espulsione portasse a un allargamento spontaneo dell’incisione, si potrebbe verificare una lacerazione del retto (l’ultimo tratto dell’intestino, che sfocia nell’ano), che comunque è rara. Viene quindi evitata ogni volta che si ha in previsione un parto difficile o se il bambino è particolarmente grosso. 
  2. paramediana: in questo caso l’incisione è leggermente spostata verso l’esterno (cioè dalla vagina in direzione della natica destra o sinistra) per evitare che eventuali sollecitazioni possano coinvolgere il retto. Non si procede quindi in direzione dell’ano, ma obliqua.
  3. laterale: questo tipo di incisione viene effettuato in direzione ancora più esterna rispetto alla paramediana, con un’inclinazione di 45 gradi rispetto alla retta che congiunge idealmente l’ano alla vagina. Viene praticata solamente in casi rarissimi.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Problemi di linguaggio in bimbo di tre anni

21/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

A fronte di evidenti difficoltà di linguaggio, in un'età in cui ci si aspetta che il bambino sappia utilizzare un certo numero di parole e di frasi compiute, sono opportuni un controllo audiologico e una valutazione da parte del neuropsichiatra infantile.   »

Progesterone o aspirinetta in gravidanza?

12/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I due prodotti medicinali non sono incompatibili: se la condizione della futura mamma lo richiede si possono impiegare tutti e due.   »

Bimbo di sette anni che sfida continuamente la mamma

11/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si può permettere a un bambino di tenere sotto scacco i genitori, disobbedendo e facendo sempre e solo di testa propria. Contenerlo con dolce fermezza è la priorità assoluta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti