Tipologie di episiotomia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/01/2015 Aggiornato il 09/01/2015

L’episiotomia è un taglietto che viene praticato in alcuni casi lungo il perineo (la zona muscolare tra la vagina e l’ano) della mamma, poco prima dell’uscita del bambino

Episiotomia: cos’è e quando viene praticata

Serve per evitare che i tessuti di questa zona si lacerino in maniera incontrollata, con danni maggiori e possibilità di coinvolgimento di altri organi, come il retto (la parte terminale dell’intestino). Si effettua per facilitare la fuoriuscita della testa del bimbo. Viene praticata più spesso se è il primo parto, in quanto in questo caso i tessuti sono più rigidi. L’episiotomia è necessaria anche in caso di parto “strumentale”, quando cioè il bimbo viene aiutato a nascere con l’ausilio della ventosa. In occasione di un parto successivo, di solito è più probabile non eseguire di nuovo l’episiotomia, in quanto i tessuti sono più elastici.

Episiotomia può essere di tre tipi

L’episiotomia è un taglietto di due-tre centimetri, che viene effettuato con la forbice in anestesia locale, anche se comunque non risulta doloroso a causa della tensione cui sono sottoposti i tessuti di questa zona. L’episiotomia può essere di tre tipi: mediana, paramediana o laterale. La scelta tra un tipo o l’altro di incisione dipende dall’abilità e dall’esperienza dell’ostetrica, così come dalla dinamica del parto e dallo stato dei tessuti materni.

  1. mediana: l’incisione viene praticata dalla vagina in direzione dell’ano e si ferma un po’ prima. Causa minori perdite di sangue, ma, qualora l’espulsione portasse a un allargamento spontaneo dell’incisione, si potrebbe verificare una lacerazione del retto (l’ultimo tratto dell’intestino, che sfocia nell’ano), che comunque è rara. Viene quindi evitata ogni volta che si ha in previsione un parto difficile o se il bambino è particolarmente grosso. 
  2. paramediana: in questo caso l’incisione è leggermente spostata verso l’esterno (cioè dalla vagina in direzione della natica destra o sinistra) per evitare che eventuali sollecitazioni possano coinvolgere il retto. Non si procede quindi in direzione dell’ano, ma obliqua.
  3. laterale: questo tipo di incisione viene effettuato in direzione ancora più esterna rispetto alla paramediana, con un’inclinazione di 45 gradi rispetto alla retta che congiunge idealmente l’ano alla vagina. Viene praticata solamente in casi rarissimi.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti