Parto alternativo: lo sgabello

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/01/2015 Aggiornato il 23/01/2015

È semplice ma molto efficace e può essere dotato di uno specchio per vedere la nascita del bimbo

Maneggevole e poco ingombrante, viene usato anche per il parto in casa. Lavabile, igienico e sicuro: è composto da un sedile aperto sul davanti che consente una ottimale mobilità pelvica assicurando sostegno alla mamma. Una bacinella posta sotto il sedile, raccoglie le eventuali perdite di sangue. A volte, si posiziona anche uno specchio, in modo che la mamma possa seguire meglio la fase espulsiva.

È l’ideale per chi non vuole rimanere immobile a letto e, sfruttando la forza di gravità, permette di abbreviare i tempi del travaglio. Il partner, se lo sgabello è abbastanza ampio, può sedersi dietro alla mamma e sorreggerla durante il parto. La partoriente si sente psicologicamente partecipe ed assiste visivamente all’uscita del piccolo dal canale del parto. Durante l’espulsione, l’ostetrica è pronta per raccogliere il bambino e agevolarne l’uscita.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti