Tocofobia: la paura del parto esiste ed è anche causa dei troppi cesarei

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 18/03/2020 Aggiornato il 18/03/2020

La tocofobia sembra colpire il 20% delle donne che devono avere il primo figlio e potrebbe essere una delle cause dell’aumento delle richieste di parto cesareo nel nostro Paese

Tocofobia: la paura del parto esiste ed è anche causa dei troppi cesarei

Si chiama tocofobia e significa “paura del parto”, e secondo alcune ricerche potrebbe essere all’origine dell’aumento dell’incidenza del numero di nascite tramite taglio cesareo. Dello studio di questa sindrome si occupano studiosi di tutto il mondo e sebbene manchino ancora dati certi per stabilire un nesso certo tra il ricorso al taglio cesareo e la presenza di questo disturbo, la sindrome da timore eccessivo e infondato del parto sembra colpire in forma seria il 20% delle primipare, ovvero le donne al primo parto, e nel 6% dei casi in forma gravissima, in alcuni casi sopraffacendole al punto da arrivare all’aborto.

Dolore del parto, perdita di controlli e lesioni

Sono molte le donne a temere il parto. A innescare la tocofobia sono soprattutto il dolore, la perdita di controllo e gli eventuali danni che potrebbero interessare la vagina. E in alcune la paura può diventare una vera fobia, instaurando un meccanismo del tutto controproducente per un parto sereno. I timori, infatti, non fanno altro che aumentare l’ansia, e l’ansia prolunga il travaglio, in una sorta di circolo vizioso. A spiegarlo è Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento di Neuroscienze dell’ospedale Fatebenefratelli-Sacco di Milano: “Se non curate, queste paure prolungano il travaglio di un’ora e 30 minuti, col rischio di parto col forcipe o di un cesareo d’urgenza”.

Un supporto psicologico mirato può aiutare contro la tocofobia: “Soprattutto nelle donne in attesa del primo figlio un adeguato counseling psicologico può far molto, magari con gruppi di auto-aiuto dove giovani mamme raccontano la loro esperienza”, continua l’esperto.

I numeri del cesareo in Italia

In Italia il ricorso al taglio cesareo è molto frequente: secondo quanto riporta il ministero della Salute nel 17° rapporto Cedap  (Certificato di assistenza al parto), ovvero il rapporto annuale sulle nascite in Italia, i cesarei nel nostro Paese si praticano sia in strutture private (50,9%) sia pubbliche (31,7%). A richiederli sono in oltre la metà delle donne primipare (54,2%). Dati molto distanti da quello che viene definito dall’Organizzazione mondiale della sanità il “tasso ideale” di cesareo, che è pari al 10-15%: secondo l’Oms i tassi di taglio cesareo superiori a questa percentuale non sono associati a una riduzione del tasso di mortalità materna e infantile, e non trovano quindi giustificazione dal punto di vista medico-sanitario.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

La tocofobia compie 20 anni quest’anno. Venne infatti descritta per la prima volta nel 2000 sul British Journal of Psychiatry dalle psichiatre inglesi Kristina Hofberg e Ian Brockington dell’Università di Birmingham (Regno Unito).

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

13/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competenti. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Bimba di (quasi) tre anni che ripete frasi e parole

11/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'ecolalia potrebbe costituire un segnale d'allarme qualora si associasse ad altri comportamenti anomali. Altrimenti è solo una delle modalità per apprendere e consolidare il linguaggio.   »

Sentimenti contrapposti verso il nuovo papà

03/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Quando entra una nuova figura maschile nella vita di un bambino piccolo, può accadere che si instauri una relazione in cui non tutto fila sempre liscio. Ma del resto può succedere anche con il papà biologico.   »

Fai la tua domanda agli specialisti