Travaglio: attenzione al liquido amniotico tinto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/07/2013 Aggiornato il 11/07/2013

  Se è chiaro, non bisogna preoccuparsi: significa che il bebè sta bene. Se, invece, il liquido amniotico è tinto, meglio correre subito in ospedale 

Travaglio: attenzione al liquido amniotico tinto

 

Liquido tinto: che cosa significa? Quando si rompono le acque, è importante prestare attenzione al colore del liquido amniotico. Infatti, è un indicatore importante della salute e del benessere del bebè. In caso di liquido amniotico tinto, è meglio andare con urgenza in ospedale per non correre rischi.

Protegge e avvolge il piccolo

Il liquido amniotico è l’habitat che accoglie e ospita il feto durante i nove mesi di vita intrauterina. All’inizio è costituito da plasma materno, cioè la parte liquida del sangue. Dopo le prime settimane, è formato per lo più da urina del piccolo. La quantità di liquido contenuta nel sacco amniotico aumenta progressivamente nel corso della gravidanza. Il suo compito principale è quello di proteggere e avvolgere il feto.

Può essere indice di sofferenza fetale

Nella maggior parte dei casi, la rottura del sacco amniotico avviene al termine della gravidanza e innesca

l’avvio del travaglio

oppure si verifica nel corso del travaglio stesso. Solitamente, quando si rompe il sacco amniotico, il liquido che fuoriesce è limpido e chiaro, di un colore giallo paglierino. Se è opaco, verdastro o addirittura quasi nero, e ha una consistenza poco fluida, si parla di liquido amniotico tinto. Significa che l’intestino del neonato ha espulso una quantità significativa di meconio (le feci del neonato).

Servono degli accertamenti

In caso di liquido amniotico tinto è bene recarsi subito in ospedale perché il cambiamento di colore e consistenza del liquido potrebbe essere indice di sofferenza fetale. Infatti, se c’è carenza di ossigeno, il nascituro può perdere il controllo degli sfinteri ed espellere tutto il meconio contenuto nell’intestino. In realtà, il liquido tinto non è sempre sinonimo di problemi a carico del bebè, ma è meglio non rischiare e sottoporsi il prima possibile agli accertamenti del caso. 

In breve

NON SEMPRE INFLUISCE SUL PARTO

In genere, anche in presenza di liquido amniotico tinto, se dagli accertamenti risulta che i parametri sono nella norma, il parto procede regolarmente.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti