Travaglio: due ore più lungo rispetto a 40 anni fa

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/09/2012 Aggiornato il 10/09/2012

Nonostante migliori condizioni di assistenza e la presenza di nuove tecniche per partorire, oggi il travaglio dura in media due ore in più. I motivi? Diversi: dall’età materna all’epidurale…

Travaglio: due ore più lungo rispetto a 40 anni fa

È una notizia che probabilmente a molte donne non piacerà, ma pare proprio che oggi il parto naturale sia diventato più lungo e laborioso rispetto a quanto fosse negli anni Sessanta. I tempi del travaglio, infatti, sono aumentati di ben 2,6 ore per le primipare e di almeno 2 ore per le mamme che stanno per avere il loro secondo o terzo bambino. E ciò nonostante oggi le donne possano godere di migliori condizioni di assistenza e usufruire di tecniche impensabili in passato (basta pensare al parto in acqua e all’analgesia epidurale…).
Lo hanno rilevato e reso noto i ricercatori statunitensi del National Institutes of Health, provenienti da diverse cliniche universitarie del Paese, confrontando i dati relativi a 40mila parti avvenuti a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta e 98mila nascite nell’ultimo decennio. I tempi della durata totale del travaglio, che a fine anni Cinquanta negli Stati Uniti erano di 4 ore,  oggi sarebbero di 6,5 ore. Senza, comunque, dimenticare che ogni travaglio è diverso e che spesso quelli delle primipare raggiungono anche le 12 o 14 ore.

Si ipotizza un insieme di cause

Gli autori della ricerca (che è americana, ma i cui esiti sarebbero sicuramente molto simili se fosse stata condotta in Europa), pubblicata di recente sulla rivista Journal of Obstetrics and Gynecology, non hanno individuato una causa specifica, ma piuttosto evidenziato una serie di concause:
– l’età media del primo parto, che si è alzata da 24 a 27 anni;
– il maggior numero, rispetto a 60 anni fa, di donne in attesa con qualche chilo in più;
– il ricorso sempre più frequente all’anestesia epidurale, che allunga anche se leggermente i tempi del travaglio, e insieme il minor uso del forcipe;
– la generale maggiore informazione sui dettagli dei singoli momenti del travaglio, che crea ansia nelle donne in procinto di partorire;
– il passaggio in sala travaglio della donna che viene fatta camminare meno e tenuta sdraiata, mentre si monitorano livelli e contrazioni.

 

In breve

Una ricerca americana

L’aumento generale della durata del travaglio non è imputabile a una causa specifica, ma piuttosto a un insieme di fattori. Si va dall’età media del primo parto (passata dai 24 ai 27 anni) alle modalità in cui oggi, negli Usa ma anche in Europa, avviene la nascita di un bambino

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti