Travaglio: si può mangiare e bere

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/10/2013 Aggiornato il 08/10/2013

Non dovrebbero esistere limiti all'assunzione di cibo e di liquidi durante il travaglio perché non c’è nessun beneficio. Le mamme dovrebbero essere lasciate libere di consumare quello che vogliono

Travaglio: si può mangiare e bere

Lo afferma una revisione degli studi precedenti sul tema pubblicata dalla Cochrane Library. La pratica di limitare cibo e liquidi durante il travaglio, spiegano gli autori, derivava principalmente da uno studio del 1940 secondo cui quando si è sotto anestesia c’è la possibilità che il cibo finisca nei polmoni. Ora, però, questa motivazione è venuta meno perché il parto cesareo non viene più eseguito in anestesia generale, bensì con l’epidurale o la spinale. A conferma di ciò, la meta-analisi ha incluso cinque studi per un totale di 3.130 donne ed è stato misurato anche lo stato di salute dei bimbi appena nati. La conclusione è stata univoca: non c’è nessun vantaggio nel limitare l’assunzione di cibi e bevande durante il travaglio.

L’alimentazione in gravidanza

Per tutti i nove mesi è importante che la futura mamma si alimenti correttamente per far crescere il piccolo in modo sano. Secondo i consigli degli esperti di “Farmaco e cura”, una dieta sana e bilanciata comprende: proteine (carni, pollame, pesce, legumi), carboidrati (cereali, pane, pasta, riso), latte e derivati (formaggi), frutta, verdura.

Attenzione ai cibi a rischio

Alcuni alimenti andrebbero evitati in gravidanza perché possono presentare dei rischi. È il caso, per esempio, di molluschi e crostacei, degli affettati come il prosciutto crudo, di alcuni formaggi e deii germogli di soia crudi). In caso di dubbio è sempre bene chiedere il parere del ginecologo.

 

 

In breve

I TEMPI DEL TRAVAGLIO SI SONO ALLUNGATI

Rispetto a quarant’anni fa la durata del travaglio si è allungata di circa due ore. Ciò affatica molto la partoriente che potrebbe avere bisogno di mangiare e di bere per poter avere energie sufficienti per affrontare il parto.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tintura dei capelli: fa male in gravidanza?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non esistono più in commercio prodotti per tingere i capelli dannosi in gravidanza, quindi si possono usare tranquillamente. E quetso vale anche in allattamento.   »

Gemelli: è possibile averli solo se c’è familiarità?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

La gravidanza gemellare non è affatto legata alla familiarità, ma è un evento occasionale che può riguardare qualsiasi donna,   »

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Fai la tua domanda agli specialisti