Più mamme over 35 e obese, cala solo il fumo

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 05/02/2019 Aggiornato il 05/02/2019

In Europa aumentano le mamme over 35 e obese. Due fattori che influiscono negativamente sulla gravidanza. Buone notizie, invece, sul fronte fumo

Più mamme over 35 e obese, cala solo il fumo

Aumenta del 16% in 5 anni in Europa il numero di mamme  over 35 e obese, ma diminuiscono del 13% le fumatrici. A fare il punto su alcuni fattori che mettono a rischio la salute della gestante e del nascituro è il quarto rapporto europeo sulla salute perinatale pubblicato da Euro Peristat, che compara i dati 2015 con quelli del 2010.

Mamme sempre più over

La percentuale di mamme over 35 in Europa è stata del 20,8%: percentuali inferiori al 15% sono state registrate in Bulgaria, Romania e Polonia. L’Italia con il 36,3% si pone al secondo posto in classifica dopo la Spagna. Anche il sovrappeso è in aumento soprattutto in Francia, Germania, Gran Bretagna, Finlandia, con una prevalenza di obesità prima della gravidanza del 13,2%. L’obesità materna costituisce un serio problema che si associa d esiti avversi sia materni sia perinatali: aumenta i tassi di aborto e le complicanze ostetriche e neonatali. La programmazione fetale della funzione metabolica indotta dall’obesità può anche avere effetto intergenerazionale, tramandando l’obesità nella generazione successiva.

Meno fumatrici

Ma ci sono anche buone notizie: sia tra le mamme over 35 sia tra le più giovani, grazie alle campagne di sensibilizzazione di questi anni, la percentuale di donne che fumano in gravidanza nel 2015 risulta del 13% inferiore rispetto al 2010. Diminuiscono, anche se con molte differenze tra i vari Stati, sia il tasso di natimortalità (bimbi nati morti dopo 28 settimane di gestazione) sia quello di mortalità neonatale (morti prima del 28° giorno di vita), rispettivamente -5% e -10%. I numeri in Italia risultano stabili e nella media, ovvero pari a 2,4 e 2,2 decessi per 1000 nati vivi.

Parti sicuri

Quanto alla mortalità materna (entro 42 giorni dal parto), il report conferma i dati dell’Istituto superiore di sanità, secondo i quali nel nostro Paese è un evento ben sorvegliato e molto raro che riguarda quasi 10 donne ogni 100mila nati vivi. Fino agli anni 2006-2012 vi era una sottostima dei casi superiore al 60%.

Da sapere!

Il fumo esercita diversi effetti negativi sulle ovaie e gli ovuli. Secondo il ministero della Salute è causa del 13% dei casi di infertilità femminile.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti