Plastica negli alimenti: attenzione in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/03/2014 Aggiornato il 24/03/2014

Un recente studio dimostra che il consumo di alimenti contenuti in involucri di plastica durante la gravidanza aumenta il rischio di tumore per il bebè

Plastica negli alimenti: attenzione in gravidanza

Che gli alimenti contenuti in involucri di plastica non siano propriamente benefici non è una novità. Ma che se i cibi a contatto con la plastica sono consumati durante la gravidanza espongano il bambino a un rischio aumentato di cancro non era mai stato dimostrato. Lo ha fatto ora un nuovo studio condotto da un gruppo di ricercatori americani, deell’Università del Michigan, e pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives.

La sostanza sotto accusa

Lo studio si è concentrato in particolare sul bisfenolo A o BPA. Si tratta di una sostanza chimica presente in molte plastiche per uso industriale e soprattutto alimentare. Viene impiegato, infatti, per realizzare gli imballaggi di molti alimenti, ma anche nelle forchette di plastica, nei biberon per i bambini e in altri oggetti di uso comune. Molti studi lo hanno etichettato come pericoloso per la salute.

Lo studio in laboratorio

La ricerca è stata condotta su alcune topoline femmine in fase di accoppiamento, in gravidanza o in allattamento. Gli autori le hanno divise in quattro gruppi: uno non è stato esposto a BPA, mentre a tre sono stati somministrati, per sei settimane, alimenti contenuti in imballaggi di plastica. Una volta conclusa la gravidanza e nati i topolini, gli studiosi hanno monitorato le loro condizioni di salute per dieci mesi.

Risultati  allarmanti

Dall’analisi dei risultati è emerso che nelle mamme che durante la gravidanza avevano ricevuto la dose più elevata di BPA, pari a 50 milligrammi per ogni chilo di peso corporeo, il rischio di sviluppare un tumore era sette volte più elevato rispetto agli animali non esposti alla plastica. Inoltre, si è visto che il 27% dei topini esposti a tre diverse dosi di BPA durante la vita intrauterina, attraverso la dieta della madre, hanno sviluppato tumori del fegato o lesioni pre-cancerose. Secondo gli esperti, si può affermare che la prole è stata esposta al BPA sin dai primi attimi di vita e che quindi l’effetto poteva risultare differente se avesse riguardato esclusivamente un adulto. 

In breve

LA DIETA DELLA MAMMA È IMPORTANTE

Sicuramente, gli alimenti consumati dalla mamma durante la gravidanza hanno un effetto sulla salute dei figli. Per esempio, si è visto che i figli nati da donne che hanno consumato molti cibi grassi e introdotto tante calorie durante la gestazione hanno una tendenza maggiore alla media a ingrassare.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dolori mestruali spariti da quando è iniziata la ricerca di una gravidanza

29/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una spiegazione strettamente scientifica alla scomparsa della dismenorrea nel momento in cui si hanno rapporti sessuali non protetti non esiste, tuttavia il fatto stesso che a volte accada rende l'eventualità possibile.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti