Scoperta una proteina fondamentale per la gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/10/2013 Aggiornato il 08/10/2013

Si chiama Lrh-1 e svolge un ruolo cruciale per la gravidanza perché protegge la placenta da possibili malformazioni

Scoperta una proteina fondamentale per la gravidanza

Se la gravidanza si interrompe a causa di una placenta difettosa la colpa potrebbe essere della mancanza di una proteina, chiamata Lrh-1. È quanto suggerisce un recente studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Montreal (Canada), pubblicato sulla rivista Nature Medicine. La placenta è l’organo attraverso il quale avvengono gli scambi nutrizionali e metabolici tra la madre e il feto. Si forma gradualmente nei primi tre mesi di gestazione. Anomalie a carico della placenta possono compromettere il buon esito della gravidanza.

Lo studio prima in laboratorio…

I ricercatori hanno condotto un esperimento in laboratorio. Per prima cosa hanno modificato geneticamente alcune topine femmine, privandole della proteina Lrh-1. Quindi, hanno analizzato le conseguenze. Hanno, così, scoperto che nell’utero degli animali modificati non si riuscivano a creare le condizioni necessarie allo sviluppo di una gravidanza. In particolare, l’assenza della proteina Lrh-1 si è associata alla formazione di placente difettose.

… e poi sulle donne

In un secondo momento gli autori hanno esaminato alcuni tessuti umani. Hanno visto così che il deficit della proteina contribuiva anche al fallimento della gravidanza nella donna. Infine, i ricercatori hanno sottoposto le topine alla terapia ormonale sostitutiva. Gli ormoni hanno aiutato l’impianto successivo di embrioni, anche se comunque si sono manifestati dei problemi nel rivestimento dell’utero, la compromissione della placenta nella fase di formazione, un ritardo della crescita fetale e un aborto.  Secondo gli scienziati, i risultati ottenuti sono insufficienti per proporre la proteina Lrh-1 come strumento diagnostico nelle biopsie uterine. Tuttavia, si potrebbe determinare un marker del recettore della proteina attraverso il ciclo mestruale.

 

In breve

NON SEMPRE LE ANOMALIE PLACENTARI CAUSANO PROBLEMI

Per il buon esito della gravidanza è essenziale che non ci siano alterazioni della placenta. Tuttavia, occorre sapere che alcune anomalie, come la placenta previa, non necessariamente espongono il feto a rischi. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti