Ecco il kamasutra dell’attesa: le posizioni del sesso in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/08/2013 Aggiornato il 06/02/2015

Anche in gravidanza i futuri genitori possono continuare a fare sesso, scoprendo nuove posizioni per fare l’amore senza preoccupazioni

Ecco il kamasutra dell’attesa: le posizioni del sesso in gravidanza

Il sesso è bello anche in gravidanza. Dunque, al bando tabù e preoccupazioni da parte dei futuri genitori che, anzi, possono godersi nuovi e piacevoli momenti d’amore riscoprendo nuove posizioni con il kamasutra della gravidanza.

La posizione dell’aratro

Secondo i ginecologi esistono quattro posizioni del kamasutra da preferire per il sesso in gravidanza. La posizione del missionario diventa l’aratro. La posizione con la donna sotto e l’uomo sopra va bene per tutti ma in gravidanza la si potrà praticare solo nei primi mesi: dal quinto mese la donna, infatti, potrebbe provare un senso di schiacciamento. Per ovviare, potete provare un “missionario seduto”: sdraiata sul dorso, la donna poggia le natiche sul bordo del letto e stringe tra le gambe intorno alle anche del partner.

La posizione della schiava

Nella posizione detta di Andromaca o della schiava, l’uomo è sdraiato sulla schiena, la compagna si siede sopra di lui in posizione accovacciata o inginocchiata con il busto completamente dritto. In questa posizione la donna controlla perfettamente la profondità e il ritmo della penetrazione. Questa posizione del kamasutra è adatta soprattutto fino alla fine del secondo trimestre, quando ancora l’agilità è buona. Se le gambe fanno  male, chiedete al partner di aiutarvi nel movimento muovendovi i fianchi con le mani su e giù. Questa posizione può essere variata con l’altalena, ovvero la donna è sempre sopra ma dà la schiena al compagno e si dondola avanti e indietro.

La posizione del boa

Nel classico “cucchiaio” del kamasutra la donna è su un fianco e lui dietro di lei: la posizione è molto riposante, la pancia è appoggiata di lato e non si fa fatica, però la penetrazione può risultare meno agevole. Allora si può ricorrere alla posizione del boa: in questo caso, partendo dal “cucchiaio”, la donna solleva una gamba e la avvinghia, come un serpente, alle gambe di lui, così da mantenere più salda la penetrazione.

Carponi

Quando la donna è infastidita dal peso dell’uomo può mettersi carponi sul letto, dandogli le spalle e nel contempo riparando la pancia. Se le braccia fanno male, si può passare all’appoggio sui gomiti o alla cosiddetta antilope: inginocchiata, la donna solleva il dorso appoggiandosi al bordo del letto. Lui le sta dietro sempre in ginocchio.

SESSO E POSIZIONI IN GRAVIDANZA – CLICCA QUI!

CALCOLA giorni fertili

CALCOLA CICLO MESTRUALE

CALCOLA OVULAZIONE

In breve

IL PICCOLO È PROTETTO

Durante i rapporti il feto non viene né disturbato né schiacciato perché il liquido amniotico lo protegge. Anche le contrazioni dell’orgasmo non interferiscono con la dilatazione del collo dell’utero, che è molto robusto e protetto da un tappo mucoso.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Fai la tua domanda agli specialisti