Il corso preparto, il promemoria

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 12/01/2015 Aggiornato il 23/01/2015

È importante frequentare un corso per gestanti o, almeno, seguire un programma a domicilio

corso preparto

Partecipare a un corso preparto è molto utile, soprattutto in occasione della prima gravidanza, in quanto consente di arrivare più preparate a questo momento. I corsi, infatti, aiutano la futura mamma a vivere nel modo migliore l’evento della nascita, apportando numerosi benefici sotto diversi aspetti, sia fisici sia psicologici. Rappresentano un’esperienza molto utile anche per i futuri papà, che durante i corsi vengono coinvolti e invitati a partecipare agli incontri.

Come è articolato

In genere, i corsi di preparazione al parto si dividono in due parti fondamentali: la teoria e la pratica. La parte di teoria consiste in una serie di lezioni, tenute da esperti (come ginecologi, ostetriche, psicologi e pediatri), volte a fornire alla futura mamma informazioni relative agli ultimi mesi di gravidanza, al travaglio, al parto e al puerperio (il periodo di 40 giorni successivo al parto). La parte pratica, invece, può comprendere, a seconda del tipo di corso frequentato, tecniche di rilassamento muscolare ed esercizi di respirazione, per aiutare la futura mamma a controllare le preoccupazioni per il parto e assecondare le contrazioni durante il travaglio (le tecniche più utilizzate sono lo yoga e il training autogeno). Inoltre, vengono proposti esercizi di ginnastica dolce o stretching per il mantenimento della forma fisica.

A chi rivolgersi

I corsi preparto sono organizzati dagli ospedali, dalle Asl (aziende sanitarie locali), dai consultori o da associazioni private. Per iscriversi occorre contattare la struttura prescelta, prenotandosi con un po’ d’anticipo: spesso, infatti, i corsi sono a numero chiuso. Dato che, in media, i corsi durano circa due mesi, è questo il momento di cominciare a valutare tra le proposte disponibili nella città in cui si vive.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Dubbi sulla lunghezza della circonferenza cranica
15/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

La valutazione dell’andamento della crescita del cranio è un dato molto importante nel primo anno di vita e deve essere confrontato con il peso, la lunghezza e più genericamente con lo sviluppo globale del bambino.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti