Test papà: come vive la gravidanza il tuo lui

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/01/2015 Aggiornato il 23/01/2015

Il futuro papà "metabolizza" più lentamente l'arrivo del bebè. Scopri insieme a lui che cosa prova veramente

Se lui ha paura di diventare papà

TEST PER LUI quanto ti fai coinvolgere?

Ecco un breve test per il futuro papà, per capire, fin dall’inizio della gravidanza, come si misura con l’evento dell’attesa: se, cioè, lo vive come qualcosa che riguarda solo la propria compagna o, piuttosto, qualcosa da condividere insieme.

1 Quando parli della gravidanza dici:

  • A Mia moglie aspetta un bambino.
  • B È in arrivo un bebè.

2 In occasione delle visite dal ginecologo accompagni tua moglie?

  • A No, penso che preferisca andarci da sola.
  • B Sì, quando posso.

3 Ti informi, con libri o riviste, sulla gravidanza e sul parto?

  • A No, non riesco mai a trovarne il tempo.
  • B Sì, sfoglio qualche rivista quando posso e ascolto i racconti di mia moglie.

4 Tutti ti chiedono come sta la tua compagna, tu come ti senti?

  • A A disagio, nessuno si interessa più di me.
  • B Mi sembra normale che si informino sulla salute della mia compagna e del bimbo.

5 Vorresti un maschietto o una femminuccia?

  • A Non so, non ci ho ancora pensato.
  • B È lo stesso, l’importante è che vada tutto bene.

6 Quando tua moglie ti racconta le sensazioni che prova:

  • A Alla lunga, mi annoia.
  • B Mi incuriosisce e mi fa piacere.

7 Alla sera lei è spesso stanca e non vuole quasi mai uscire, tu che cosa fai?

  • A Esco da solo, non posso chiudermi in casa per nove mesi.
  • B Alterno qualche uscita con gli amici a serate tranquille a casa con lei.

8 Avevate programmato una settimana di vacanza, ma il ginecologo consiglia un periodo di riposo alla tua compagna.

  • A Mi dispiace molto, avevo proprio bisogno di una vacanza.
  • B Mi dispiace molto, ma sarà per un’altra volta.

9 Lei non se la sente di avere rapporti sessuali, tu come la prendi?

  • A Mi sento trascurato, forse non mi desidera più ora che aspetta un bambino.
  • B Cerco di coinvolgerla di nuovo con tenerezze e attenzioni diverse.

10 Valuti la possibilità di partecipare con lei, quando sarà il momento, a un corso di preparazione al parto?

  • A No, mi sentirei in imbarazzo.
  • B Sì, mi farebbe molto piacere.

I risultati

Se prevalgono le risposte A, stai vivendo la gravidanza come qualcosa che riguarda solo la tua compagna: con questo atteggiamento, finirai per sentirti sicuramente estromesso dalla nascita del bambino. Se prevalgono le risposte B, sei sulla strada giusta per vivere serenamente e in armonia con la compagnal’arrivo del vostro bebè: continua a farti coinvolgere e ti sentirai anche tu “in attesa”.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti