Sviluppo del feto: cosa succede dalla prima all’ottava settimana

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/10/2014 Aggiornato il 31/10/2014

Lo sviluppo del feto inizia subito dopo il concepimento, anche se la donna può scoprire solo dopo alcune settimane di essere incinta. Ecco che cosa succede

Sviluppo del feto: cosa succede dalla prima all’ottava settimana

Molte donne, durante le prime settimane di gravidanza, non sanno nemmeno di aspettare un bambino. Questo non significa, però, che lo sviluppo del feto non sia iniziato. Al contrario, i primi due mesi sono cruciali per l’impianto dell’embrione e la formazione dei primi abbozzi di organi.

Tutto inizia da un “incontro”

Il primo è il mese dell’assestamento, il periodo durante il quale avvengono la fecondazione dell’ovocita, la formazione dell’embrione e il suo impianto all’interno della cavità uterina. Pochi minuti dopo l’incontro “fortunato” tra lo spermatozoo maschile e l’ovocita femminile e il concepimento, si forma una nuova cellula, chiamata zigote, che contiene 46 cromosomi (strutture molecolari che trasmettono le informazioni genetiche da una generazione all’altra), 23 dei quali ereditati proprio dallo spermatozoo paterno e 23 dei quali dalla cellula uovo materna.

In viaggio verso l’utero

Trascorsa qualche ora, lo zigote comincia a spostarsi dalle tube all’utero. Durante questo percorso di avvicinamento verso l’utero, lo zigote inizia una serie di divisioni, fino a formare un agglomerato di cellule a forma di mora, detto blastocisti. Circa una settimana dopo la fecondazione, la blastocisti si impianta nell’utero materno, concludendo, di fatto, la fase del concepimento.

Comincia la differenziazione

Già nella seconda settimana dopo la fecondazione, le cellule della blastocisti iniziano a moltiplicarsi e a differenziarsi in tre strati distinti, che daranno origine a diverse parti del corpo del bambino.

1. Lo strato esterno, ectoderma, formerà la pelle, i capelli, le unghie, il sistema nervoso e il cervello.

2. Dallo strato interno, mesoderma, si formeranno lo scheletro, i muscoli, il cuore e i vasi sanguigni.

3. Lo strato più interno, endoderma, evolverà nel corso dello sviluppo del feto negli apparati respiratorio, digerente e urinario.

Si forma la sacca gestazionale

Nel corso della quarta settimana, all’interno dell’utero, si sviluppa la sacca gestazionale, che ospiterà l’embrione. Quest’ultimo comincia a prendere forma, assumendo le sembianze di un piccolo corpo cilindrico, nel quale si delineano alcune aree specializzate, i somiti, punto di origine dello scheletro e i muscoli. Da questo momento comincia anche a funzionare la circolazione utero-placentare, necessaria per consentire al sangue materno di raggiungere l’embrione, fornendogli il giusto nutrimento.

Finalmente c’è l’embrione

Lo sviluppo del feto, che ancora non si chiama così, continua. Durante la quinta settimana la blastocisti è poco più grande di un’unghia. In questo periodo inizia ad abbozzarsi il volto del bimbo, con la comparsa della zona nasale e della zona orale. Alla sesta settimana di gravidanza (calcolata in base all’ultima mestruazione) si avrà un vero e proprio embrione, il vero primo accenno di vita, un organismo pluricellulare. È solo intorno alla decima settimana dopo il concepimento, però, che l’embrione diventa il feto vero e proprio.

Un periodo delicato

Durante la sesta settimana, inizia anche la formazione dei muscoli, delle ossa e del cervello del bebè. Il suo cuore batte velocemente e i suoi piedi e le sue mani sono palmati. L’embrione, che ha l’aspetto di un girino, è immerso nel

liquido amniotico e inizia a compiere i primi impercettibili movimenti. Fra la settimana e l’ottava settimana cominciano a svilupparsi anche gli occhi, la testa e le dita di mani e piedi. È un periodo molto delicato perché anche gli organi avviano il loro sviluppo. Nel frattempo l’utero ha raddoppiato le sue dimensioni. 

In breve

NON SI VEDE ANCORA NULLA

Per seguire lo sviluppo del feto e conoscere i progressi che compie il bambino dentro il pancione bisogna ricorrere all’aiuto delle ecografie. Ma nei primissimi tempi anche con i normali macchinari è difficile riuscire a vedere bene che cosa sta succedendo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti