Iperemesi gravidica: attenzione ai rischi

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 05/06/2015 Aggiornato il 05/06/2015

L'iperemesi gravidica, se non tenuta adeguatamente sotto controllo, può causare danni al nascituro. Ecco perché

Iperemesi gravidica: attenzione ai rischi

L’ iperemesi gravidica è una condizione piuttosto comune ma potenzialmente pericolosa per le future mamme e per il nascituro. Si tratta di continue crisi di vomito, correlate a un forte rischio di disidratazione e di altre complicazioni per la salute della mamma (per esempio, un possibile distacco della retina e sofferenza dell’esofago). Anche il nascituro è a rischio, in caso di iperemesi gravidica. A confermarlo è uno studio recente.

Più problemi all’inizio della gravidanza

Uno studio della David Geffen School of Medicine della University of California, pubblicato sulla rivista European Journal of Obstetrics and Gynecology and Reproductive Biology, ha confermato i potenziali rischi dell’ipermesi gravidica nelle prime settimane di gestazione (soprattutto entro la quinta). Tra i pericoli vi sono, quindi, ritardi nello sviluppo e riguardanti anche il linguaggio. Lo studio ha preso in considerazione un campione di  312 bambini nati da madri con iperemesi gravidica e 169 bambini nati da mamme che non ne hanno sofferto. I primi hanno mostrato un rischio superiore del 3,28 % di incorrere in problematiche dello sviluppo relative a disturbi di attenzione, sensoriali e di apprendimento.

Non va sottovalutata

Molto importante è, dunque, che l’ipermesi gravidica sia presa sul serio e che sia immediatamente supportata da un intervento nutrizionale supplementare, come spiega Marlena Fejzo. Integratori, screening e anche prevenzione sono tra gli strumenti più efficaci e disponibili per tutte le future mamme.

 

 

 

In breve

IL PERIODO PIU’ PERICOLOSO

L’inizio della gravidanza e le prime settimane di attesa sono le più delicate per la salute di mamma e nascituro. Quindi, è fondamentale essere ben seguite da un medico di fiducia cui potersi rivolgere al minimo dubbio e a cui affidarsi in caso di disturbi.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti