Diabete in gravidanza, i controlli da fare

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 14/12/2021 Aggiornato il 14/12/2021

Per evitare che la gestante abbia problemi di diabete, in gravidanza i controlli della glicemia avvengono ogni mese, con eventuali approfondimenti

Diabete in gravidanza, i controlli da fare

Una delle malattie che va attentamente monitorata quando si aspetta un bambino è il diabete in gravidanza. I controlli avvengono ogni mese con le analisi del sangue per il dosaggio della glicemia. In alcuni casi, però, è necessario andare a fondo ed effettuare esami più specifici.

Perché è bene controllare la glicemia

Nella società di oggi si verifica una sempre maggiore diffusione del diabete in gravidanza. I controlli sono necessari perché, secondo gli esperti, circa 16 gestanti su 100 sono soggette a questo problema. Succede per ragioni legate all’alimentazione con eccesso di proteine, zuccheri semplici, grassi che creano una condizione infiammatoria nell’organismo. Inoltre, oggi si è mediamente più sedentari e la scarsa attività fisica  – accentuata dalla gravidanza – non riesce a far consumare gli zuccheri semplici assunti. L’età mediamente più avanzata della gravidanza è un altro fattore che predispone all’insulino-resistenza, una condizione che comporta livelli di zuccheri più elevati nel sangue e predispone al diabete.

I dosaggi da tenere d’occhio

Per la prevenzione e la diagnosi del diabete in gravidanza, i controlli si effettuano normalmente circa una volta al mese, attraverso un normale prelievo di sangue in occasione degli esami di routine. Di solito, si considera normale un livello di glucosio inferiore a 90 mg per decilitro di sangue a digiuno, oppure 120 mg/dl un’ora dopo aver mangiato. In alcuni casi, però, è necessario andare più a fondo. Gli accertamenti sono necessari se i valori di riferimento sono alterati oppure se la gestante è sovrappeso o se soffriva di problemi di glicemia già prima della gravidanza. È bene approfondire anche quando l’età è abbastanza avanzata (dai 35-40 anni) e se in famiglia c’è una storia di diabete.

Se le analisi hanno evidenziato livelli di glucosio nel sangue più alti del normale all’inizio della gravidanza, è necessario procedere a ulteriori controlli, per confermare o escludere la presenza di diabete di tipo 2 precedente la gravidanza ma non diagnosticato. Se la glicemia è normale le donne che presentano un rischio moderato sono invitate a eseguire tra la 24a e la 28a settimana di gestazione (periodo in cui il diabete si manifesta con più frequenza) un carico orale con 75 grammi di glucosio. Nelle donne a rischio la prescrizione del carico viene anticipata alla 16a-18a settimana.

Come si esegue la curva da carico

La curva da carico orale consiste in un prelievo di sangue mentre la donna è a digiuno da almeno 8 ore. Si deve bere una soluzione di acqua con dissolti 75 grammi di zucchero. È una soluzione molto dolce che può causare nausea: per evitare fastidi basta aggiungere qualche goccia di limone e assumerla lentamente. Poi si procede con due prelievi, rispettivamente dopo una e due ore l’assunzione.
Se il valore della glicemia a digiuno è maggiore o uguale a 92 mg/dl, o se la glicemia dopo una o due ore la somministrazione di glucosio è maggiore o uguale rispettivamente a 180 mg/dl e 153 mg/dl, si ha la diagnosi di diabete gestazione. Per la diagnosi è sufficiente avere anche un solo valore al di sopra della soglia.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

 

Per prevenire il diabete in gravidanza è bene curare l’alimentazione, preferendo frutta, verdura fresca, cereali integrali, carne bianca e pesce e limitando i dolci e i grassi animali. Inoltre, è bene effettuare un po’ di movimento tutti i giorni, in sicurezza come la cyclette, camminata, nuoto per gestanti: aiuta a mantenere il peso sott controllo e favorisce l’assorbimento degli zuccheri nel sangue.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di due anni con i capelli molto radi

24/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Nella maggior parte die casi, i capelli dei piccolini diventano più folti con il passare deigli anni, tuttavia se appaiono realmente troppo deboli e mancano in alcuen zone della testa è bene sentire il parere di un dermatologo (in presenza).   »

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti