Diabete: le patate aumentano il rischio in gravidanza?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 16/02/2016 Aggiornato il 16/02/2016

Le patate sembrano giocare un ruolo importante nell’aumento del rischio di diabete gestazionale. Ecco i consigli per una corretta alimentazione in gravidanza

Diabete: le patate aumentano il rischio in gravidanza?

Evitare il diabete gestazionale con la dieta, in particolare riducendo il consumo di patate. È quanto sostiene uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dei National institutes of health e dell’università di Harvard (Stati Uniti). Gli scienziati sostengono che le donne, che prima di rimanere incinte mangiano molte patate, corrono un maggiore rischio di sviluppare il diabete gestazionale, anche se in buona salute e senza precedenti di questa malattia.

Meglio i legumi

I ricercatori hanno analizzato il consumo di patate in tutte le forme (purè, patate fritte, patatine in busta) di 15 mila donne. Hanno poi dimostrato che sostituire 2 porzioni di patate alla settimana con altri vegetali potrebbe ridurre il rischio di diabete gestazionale del 9%. Rimpiazzando i tuberi con i legumi, per esempio, il rischio potrebbe diminuire del 10%, con dei cereali integrali si arriva al 12%.

Attenzione allo zucchero nel sangue

In attesa di ulteriori studi che confermino che si può evitare il diabete gestazionale con la dieta, in particolare riducendo il consumo di patate, gli esperti ribadiscono che un livello eccessivo di zuccheri nel sangue può mettere in pericolo la salute della gestante e quella del bambino nel pancione. Questo disturbo può infatti provocare aborti spontanei e parti prematuri.

Che cosa mangiare

In caso di diabete gestazionale accertato, la dieta prevede una riduzione del consumo di zuccheri semplici (dolci, merendine, bibite gassate), preferendo quelli complessi (pasta, riso, pane). Va poi incrementato il consumo di alimenti ricchi di fibre, come verdure e cereali integrali. Vanno evitati lo zucchero bianco e di canna per dolcificare le bevande, la marmellata e il miele, i condimenti grassi come burro, lardo, margarine, gli insaccati e i frutti di mare. È importante rispettare le quantità di frutta indicate nella dieta e limitare i tipi più zuccherini (uva, banane, fichi, cachi, mandarini, castagne). Se consumata cotta o frullata, non va aggiunto lo zucchero. Il latte e suoi derivati si possono mangiare ma è meglio preferire i scremati o parzialmente scremati: hanno meno calorie ma contengono ugualmente calcio a parità di peso.

Mai saltare i pasti

Oltre a questo studio che sostiene che è possibile evitare il diabete gestazionale con la dieta, in particolare riducendo il consumo di patate, è fondamentale non saltare i pasti: il digiuno può causare la comparsa di corpi chetonici (sostanze dannose per il bambino). Per lo stesso motivo gli spuntini sono molto importanti, soprattutto quello pomeridiano.

 

 
 
 

da sapere!

Se dieta e attività fisica non fossero sufficienti è necessario assumere insulina: condizione che si verifica nel 10-20% delle donne.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti