31° settimana di gravidanza

https://www.bimbisaniebelli.it/wp-content/uploads/2015/01/7mese-new-640x699.jpg
Cosa succede nel pancione?
  • Le sue misure: il feto continua a crescere: pesa circa 1.600 grammi ed è lungo, dalla testa alle natiche, 28 centimetri e 40 centimetri in totale (cioè fino ai piedini).
  • Come si sviluppa: inizia a manifestarsi il colore degli occhi, anche se non si tratta ancora di quello definitivo; quest’ultimo, infatti, non si manifesterà prima di sei-nove mesi dopo la nascita, in quanto i pigmenti degli occhi hanno bisogno della luce per completare il loro sviluppo.
  • Che cosa sa fare: le palpebre di norma sono aperte mentre il feto è sveglio e chiuse quando dorme. Ingoia molto liquido ed orina anche fino a mezzo litro di liquido al giorno.
30° settimana di gravidanza 32° settimana di gravidanza
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.
Quando si sentono i primi movimenti fetali?

Quando si sentono i primi movimenti fetali?

10/01/2023 Secondo Trimestre - settimane 14-27 di Laura de Laurentiis

È sempre un momento molto emozionante quello in cui la futura mamma comincia a percepire i primi movimenti fetali. Le risposte della dottoressa Silvia D’Ippolito nella nostra intervista  »

Quando passa l’affanno in gravidanza?

Quando passa l’affanno in gravidanza?

30/09/2022 Gravidanza di Nicoletta Modenesi

Può capitare, soprattutto nell’ultimo trimestre, di avere una respirazione difficoltosa, accompagnata dalla classica sensazione di “cuore in gola”, soprattutto in seguito a uno sforzo fisico, anche minimo. Ecco che cosa fare per alleviare il fastidio dell’affanno in gravidanza  »

Pre-eclampsia: perché è così importante prevenirla  e curarla?

Pre-eclampsia: perché è così importante prevenirla e curarla?

16/08/2022 Sintomi gravidanza di Roberta Raviolo

Per curare la pre-eclampsia, è necessario individuarla per tempo. Ma la prevenzione resta l’arma fondamentale per evitare le complicanze di questa malattia. Questo oggi è possibile anche grazie a un modello predittivo messo a punto da esperti italiani  »