I bebè riconoscono i volti già nel pancione

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 31/07/2017 Aggiornato il 31/07/2017

A partire dalla 34° settimana di gestazione i bebè sarebbero in grado di distinguere i volti già nel pancione. Ecco come

I bebè riconoscono i volti già nel pancione

I bambini riescono a percepire i volti già nel pancione di mamma. È quanto si sostiene in uno studio pubblicato da un gruppo di ricercatori inglesi sulla rivista Current Biology, secondo cui i bebè a partire dalla 34a settimana di gravidanza sarebbero in grado di distinguere i volti già nel pancione, distinguendoli dalle altre forme.

Un triangolo di luce

Per condurre l’esperimento i ricercatori hanno ricostruito con la luce di un laser un volto umano stilizzato (un triangolo con la punta rivolta verso il basso con due puntini in alto a rappresentare gli occhi) e lo hanno proiettato sul ventre di ciascuna donna in gravidanza coinvolta nello studio, mentre un ecografo seguiva i movimenti della testa del nascituro. Lo stesso esperimento è stato poi ripetuto rovesciando il triangolo, in modo che non fosse più identificabile con la forma di un viso umano: lo studio, svolto su 39 bambini dalla 34a settimana di gestazione in poi, ha messo in evidenza che il numero dei feti che hanno girato la testa verso la luce a forma di viso è stato doppio rispetto a quello dei bimbi che sono risultati attratti dal triangolo con la punta rivolta verso l’alto.

Terzo trimestre: il momento clou

“Nel terzo trimestre di gravidanza – hanno commentato i ricercatori sulle pagine di Current Biology – i feti umani hanno già la capacità di processare alcune informazioni che gli arrivano dai sensi. La differenza di comportamento fra le due forme che gli abbiamo presentato è stata molto netta”.

Attraverso l’utero

I ricercatori delle università inglesi di Lancaster e Durham spiegano che l’utero umano è molto più trasparente di quello che si credeva e, grazie a questa sua caratteristica, i feti nel grembo materno possono riuscire a vedere gli stimoli luminosi esterni attraverso la parete uterina. All’interno dell’utero, hanno scritto i ricercatori su Current Biology, “esiste una luminosità molto maggiore rispetto a quanto non si credesse in passato”. E questo rende possibile distinguere i volti già nel pancione.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Sebbene la curiosità al riguardo possa essere tanta, è bene non cimentarsi in esperimenti fai-da-te.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti