I consigli per igiene e benessere durante il 3° trimestre di gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/01/2015 Aggiornato il 23/01/2015

Il pancione è diventato veramente ingombrante e ciò può essere d'impaccio per la futura mamma, anche nel compiere i gesti più comuni. Ecco qualche semplice suggerimento

cintura sicurezza auto pancione

IGIENE meglio la doccia o il bagno?

Non esiste una regola precisa a questo proposito e molto dipende dalle abitudini personali della futura mamma. In linea di massima, comunque, il bagno andrebbe evitato se si soffre di ipotensione, cioè di pressione bassa, in quanto l’acqua calda può provocare una dilatazione dei vasi sanguigni (i sottili canali all’interno dei quali scorre il sangue) che determina, a sua volta, un abbassamento ulteriore della pressione sanguigna, con il rischio di capogiri e svenimenti. È per questo che l’acqua del bagno non dovrebbe essere mai troppo calda (la temperatura ideale è quella corporea, intorno ai 36-37 gradi) e la permanenza in vasca non dovrebbe superare i 10-15 minuti.

BENESSERE i consigli per evitare di cadere con il pancione

Fin dalle prime settimane di vita, il bimbo in utero vive all’interno di una cavità sterile, il sacco amniotico. Qui il feto si trova immerso nel liquido amniotico, protetto non solo dalle infezioni che provengono dalla vagina, ma anche da possibili urti. Ecco, comunque, qualche precauzione da seguire per evitare di cadere e, quindi, prendere colpi al pancione. in casa: le cadute in bagno e nella doccia o dalle scale sono le cause più frequenti di infortunio domestico, soprattutto in gravidanza. Per questo, la futura mamma dovrebbe prestare molta attenzione in bagno, posizionando sul fondo della vasca e in doccia un tappetino antiscivolo. Inoltre, dovrebbe evitare di svolgere lavori che richiedano l’uso delle scale (come lavare i vetri o sistemare le tende alle finestre). sui mezzi: in gravidanza, soprattutto quando il pancione è più ingombrante, bisognerebbe evitare i luoghi troppo affollati, come i mezzi pubblici nelle ore di punta (reggendosi, in caso, agli appositi sostegni o chiedendo un posto a sedere), le manifestazioni di piazza o i concerti all’aperto.

  • in auto: occorre allacciare sempre la cintura di sicurezza quando si viaggia in automobile, per evitare rischi in caso di incidente. Per legge è possibile non allacciarla solo in casi particolari (per esempio, se il pancione è molto grosso perché si aspettano due gemelli) a patto di circolare con un certificato rilasciato dal ginecologo.
  • nel tempo libero: la futura mamma dovrebbe evitare gli sport più pericolosi, in cui è possibile sbilanciarsi (come la bicicletta) o cadere ed essere travolti (come lo sci o il pattinaggio).
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti