Gravidanza: il cellulare agita il feto?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/07/2015 Aggiornato il 23/07/2015

Suoneria e vibrazioni del cellulare possono agitare il bimbo nel pancione. In gravidanza, dunque, meglio tenere il telefono a distanza di sicurezza

Gravidanza: il cellulare agita il feto?

Non è certo la prima volta che il cellulare viene messo sotto accusa. Negli anni, sono stati condotti diversi studi sulla sua possibile pericolosità, ma ancora oggi non c’è alcuna certezza in merito. Prima d’ora, invece, si era indagato poco in merito agli effetti del telefonino sulla gravidanza. La lacuna è stata in parte colmata da una ricerca effettuata da un gruppo di ricercatori statunitensi, del Wyckoff Heights Medical Center di New York City.

Uno studio su 28 future mamme medico

Lo studio ha coinvolto 28 donne medico incinte. Tutte, per motivi di lavoro, erano costrette a stare a stretto contatto con i cellulari per molte ore al giorno. Gli autori hanno, quindi, pensato di analizzare gli effetti sul feto dell’esposizione a questi dispositivi. In che modo? Hanno monitorato con una serie di ecografie tutte le future mamme, dalla 27esima alla 41esima settimana di gravidanza.

Basta un solo squillo per spaventare il bebè

Dall’analisi dei risultati, è emerso che effettivamente il cellulare ha un effetto disturbante sui bambini. In particolare, di fronte a un singolo squillo, in tutti i feti è stata registrata una risposta di allarme, che consisteva nell’agitare la testa oppure nel tremare e spalancare la bocca. Se gli squilli erano più di uno, l’agitazione era inferiore: il 10%-20% dei bambini non reagiva, mentre il resto si muoveva. Per quali ragioni? “Molti feti sembravano abituarsi se i suoni diventavano continui e quando telefoni e cicalini hanno iniziato a suonare spesso i sobbalzi dei feti sono diminuiti del 60% fino alla 36esima settimana di gestazione e nel 90% dei casi per i feti a termine” hanno spiegato gli autori.

Meglio tenerli lontani dall’addome

Gli esperti hanno spiegato che si tratta di un’indagine preliminare, i cui risultati vanno confermati. È ancora troppo presto, insomma, per concludere che i cellulari fanno male alle donne in gravidanza. Quel che sembra certo però è che quando i dispositivi sono tenuti in prossimità della testa dei feti i loro suoni, e probabilmente anche le vibrazioni, possono disturbare il bebè, tanto che l’espressione del suo volto cambia e il normale ciclo di riposo viene interrotto. “È consigliabile non portare i telefoni cellulari e i cercapersone in prossimità dell’addome. Meglio metterli in borsa o nelle tasche a livello del petto. A scopo precauzionale possiamo dire che più tali dispositivi sono tenuti lontani dal feto e meno è possibile che il suo riposo venga disturbato” hanno detto gli studiosi.

 

 

 
 
 

In breve

ATTENZIONE ANCHE ALL’AEREO

Quello del cellulare non è l’unico suono che disturba i bebè nel pancione della mamma. Alcuni studi hanno evidenziato che anche gli aerei  possono provocare effetti sul bimbo durante la gravidanza.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti