Inquinamento in gravidanza, bimbi a rischio ipertensione

Miriam Cesta
A cura di Miriam Cesta
Pubblicato il 29/06/2018 Aggiornato il 01/08/2018

I bimbi nati da donne esposte a elevati livelli di inquinamento in gravidanza corrono il 61% di rischio in più di soffrire di pressione alta. Ecco perché

Inquinamento in gravidanza, bimbi a rischio ipertensione

Il benessere del bambino dipende in buona parte dallo stile di vita che segue la futura mamma durante la gravidanza: è ormai noto, per esempio, che una sana alimentazione materna ha ripercussioni positive sullo stato di salute futura del piccolo. Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Hypertension mette ora in risalto come, allo stesso modo, anche comportamenti non virtuosi della mamma tenuti durante la gestazione possono influire negativamente sul benessere del bambino: in particolare i ricercatori della Johns Hopkins University Bloomberg School of Public Health a Baltimora (Stati Uniti) hanno riscontrato che l’esposizione all’ inquinamento in gravidanza e in particolare durante l’ultimo trimestre di mette il bebè più a rischio di soffrire di ipertensione durante l’infanzia.

Il ruolo indiretto dello smog

Sebbene in passato diverse ricerche abbiano dimostrato un ruolo diretto dell’inquinamento atmosferico sulla salute cardiovascolare di adulti e bambini, rilevando in particolare un aumento del rischio di sviluppare l’ipertensione per chi vive in aree molto inquinate, la ricerca pubblicata su Hypertension è tra le prime a indagare il ruolo indiretto dell’ inquinamento in gravidanza sulla salute del nascituro.

Lo studio su 1.300 future mamme

La ricerca, guidata dall’epidemiologa Noel Mueller, è stata condotta su quasi 1.300 donne e sui loro rispettivi bambini. Il livello di esposizione all ‘inquinamento in gravidanza è stato stimato in base ai rilevamenti delle centraline presenti nelle zone di residenza di ciascuna donna. I bambini, una volta nati, sono stati periodicamente valutati – dai 3 ai 9 anni di vita – relativamente alla loro salute cardiovascolare.

Rischio aumentato del 61%

Dati alla mano, i ricercatori hanno potuto constatare come i bambini nati dalle donne che durante l’ultimo trimestre di gravidanza sono state esposte a elevati livelli di inquinamento (anche se nei limiti di legge) corrono il 61% di rischio in più di sviluppare l’ipertensione rispetto ai piccoli le cui madri sono state esposte a livelli di inquinamento inferiori.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Un ruolo importante nel prevenire l’ipertensione nei bambini e nei ragazzi è giocato nell’alimentazione: è per esempio importante educarli sin da piccoli a non mangiare i cosiddetti “cibi spazzatura”, troppo ricchi di sale, grassi e zuccheri

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti