La valigia per il parto: quando e come prepararla

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 02/05/2012 Aggiornato il 02/05/2012

La valigia per il parto da portare in ospedale va preparata almeno con un mese di anticipo. Ecco che cosa occorre per i giorni di degenza della mamma e del bambino

La valigia per il parto: quando e come prepararla

La valigia per il parto non deve essere preparata all’ultimo momento. Si rischierebbe, infatti, di farsi cogliere impreparate da un avvio anticipato del travaglio e di dover quindi pensare al volo a fare la valigia per il parto, con il rischio di dimenticare qualcosa di importante. A questo proposito, quasi tutti gli ospedali distribuiscono, in occasione dei corsi preparto o a chi ne faccia richiesta, un elenco degli indumenti, per la neomamma e per il bambino, che vanno necessariamente previsti quando si prepara la valigia per il parto.

Cosa occorre per la mamma

Un documento di identità, il tesserino sanitario, il codice fiscale e la cartella con gli esami e le ecografie eseguiti in gravidanza e la tessera con il gruppo sanguigno;

2-3 camicie da notte apribili sul davanti (in modo da attaccare il bebè al seno facilmente);

2-3 reggiseni da allattamento;

un paio di calzini pesanti (durante il travaglio spesso la donna ha la sensazione di freddo ai piedi);

coppette assorbilatte per le secrezioni, dischetti detergenti per pulire i capezzoli prima e dopo le poppate;

mutandine monouso e assorbenti igienici da notte per le perdite di sangue dopo il parto;

una guaina elastica, una vestaglia, ciabatte o pantofole;

il beauty con i propri oggetti di igiene (spazzolino, dentifricio, sapone, deodorante, spazzola);

una coppia di asciugamani;

gli abiti per il rientro a casa.

Cosa occorre per il bambino

Un cambio completo al giorno, composto da una tutina e un body di cotone;

una copertina per avvolgere il bebè quando lo si tiene in braccio o lo si allatta. I pannolini e il necessario per l’igiene, invece, sono messi a disposizione dall’ospedale.

In breve

Che cosa occorre in ospedale

Per la mamma è necessario portare in ospedale: un documento di identità, il tesserino sanitario, il codice fiscale e la cartella con gli esami e le ecografie eseguiti in gravidanza e la tessera con il gruppo sanguigno; 2-3 camicie da notte apribili sul davanti; 2-3 reggiseni da allattamento; un paio di calzini pesanti; coppette assorbilatte, dischetti detergenti per pulire i capezzoli prima e dopo le poppate; mutandine monouso e assorbenti igienici da notte per le perdite di sangue dopo il parto; una guaina elastica, una vestaglia, ciabatte o pantofole; il beauty con i propri oggetti di igiene; una coppia di asciugamani; gli abiti per il rientro a casa. Per il bambino invece: un cambio completo al giorno, composto da una tutina e un body di cotone; una copertina per avvolgere il bebè quando lo si allatta.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti