Movimenti del feto: controllarli non basta a scongiurare la morte in utero

Miriam Cesta
A cura di Miriam Cesta
Pubblicato il 28/01/2019 Aggiornato il 28/01/2019

I ginecologi raccomandano di controllare sempre i movimenti del feto. Ma questa metodica riesce a prevenire solo 5 casi di morte in utero su 10mila

Movimenti del feto: controllarli non basta a scongiurare la morte in utero

Per evitare la morte in utero non è sufficiente controllare i movimenti del feto: l’efficacia di questa metodica è stata messa in discussione da uno studio dell’Università scozzese di Edimburgo pubblicato sulla rivista medica The Lancet, da cui è emerso che, contrariamente a quanto ritenuto finora, controllare i movimenti del feto non sarebbe da solo uno strumento efficace di prevenzione.

Il lutto fantasma

Ogni giorno a livello globale muoiono prima di nascere, anche poche settimane o addirittura alcuni giorni prima del parto, circa 7.200 bambini, vale a dire più di due milioni e mezzo all’anno. Le future mamme e i futuri papà che hanno visto infrangersi il loro sogno di genitorialità ancora prima che iniziasse li chiamano “lutti fantasma”.

Oltre 400mila gravidanze sotto esame

I ricercatori scozzesi hanno seguito tra il 2014 e il 2016 oltre 400mila gravidanze in 33 ospedali distribuiti tra Gran Bretagna e Irlanda. Le future mamme, alle quali era stato spiegato dai ricercatori a controllare (cioè a contare e a riconoscere) i movimenti del feto a partire dalla 24a settimana di gravidanza dovevano prestare attenzione ai movimenti del bambino e in caso di anomalie dovevano allertare i medici che avrebbero eventualmente anticipato il parto.

Un metodo dubbio

A conti fatti gli studiosi scozzesi hanno infine concluso che questa metodica da sola non è efficace per prevenire la morte in utero e che, attualmente, “i vantaggi che possono derivare dal controllo dei movimenti del feto rimangono non dimostrati”.

Risultati inferiori alle aspettative

Come ha spiegato Jane Norman, prima autrice dello studio e direttrice del Tommy’s Centre for Maternal and Fetal Health di Edimburgo, infatti, “questo studio è stato pensato per indagare un effetto maggiore o uguale al 30% nella prevenzione della morte in utero, ma i risultati indicano che, se un effetto positivo c’è, è molto più limitato di questo. L’essere consapevoli dei movimenti del bambino può aiutare a ridurre marginalmente i rischi di mortalità, ma è improbabile che da sola questa strategia sia affidabile per monitorare il benessere dei bambini nel grembo materno”.

Aumento di tagli cesarei

Non solo: a fronte di una riduzione dei tassi di morte in utero molto più limitata rispetto alle aspettative, questa strategia comporterebbe un aumento del numero di parti indotti e di cesarei.

 

 

Da sapere!

I ricercatori scozzesi precisano che le indicazioni per le donne incinte rimangono quelle di sempre: se si nota un cambiamento nei movimenti del feto è bene consultare immediatamente l’ostetrica o il ginecologo di fiducia.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti