Sindrome alcolica fetale: c’è un nuovo test

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 06/06/2019 Aggiornato il 06/06/2019

Bere alcol in gravidanza può causare malformazioni e disabilità che rientrano in una sindrome nota come fetale alcolica. Un nuovo test potrebbe individuarla precocemente

Sindrome alcolica fetale: c’è un nuovo test

È ora possibile capire, prima della nascita e con una semplice ecografia, se un bambino è affetto o meno da sindrome alcolica fetale, prima causa di ritardo mentale nel bambino delle società occidentali. A mettere a punto un nuovo test è stato un gruppo di ricercatori dell’Istituto di biologia cellulare e neurobiologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ibcn) e del Centro di riferimento alcologico della Regione Lazio (CrarL) dell’Università di Roma, La Sapienza.

Dichiarazioni poco veritiere

Considerate l’inaffidabilità e la variabilità delle ammissioni volontarie di comportamenti a rischio da parte delle madri e l’assenza di un profilo neuro-comportamentale univoco da utilizzare a scopo diagnostico, è importante una valutazione oggettiva per stabilire il consumo di etanolo durante la gravidanza e la conseguente esposizione del feto all’alcol. La sindrome alcolica fetale è una condizione malformativa del neonato e del bambino dovuta all’effetto tossico dell’alcol assunto in gravidanza. Ed è la più comune causa di ritardo mentale acquisito nell’infanzia, evitabile tramite l’astensione completa della gestante dal consumo di alcol.

I parametri considerati

Per mettere a punto il test, i ricercatori hanno esaminato l’associazione tra l’etilglucuronide nelle urine di donne in gravidanza e la presenza di alcuni indicatori fisici tipici della sindrome, mediante l’uso dell’ecografia prenatale effettuata nel secondo trimestre di gestazione. L’EtG si forma solo in caso di assunzione di alcol tre-quattro giorni precedenti il test, per cui la positività a questo biomarcatore è indice di consumo certo. L’analisi dell’EtG nelle urine potrebbe essere quindi utilizzata come indicatore di consumo materno di alcol anche occasionale durante la gravidanza, per allertare sulle possibili ripercussioni sul feto e successivamente sul bambino, permettendo una diagnosi precoce di sindrome alcolica fetale.

Consumo prosegue nei 9 mesi

Si stima che circa il 10% dello donne in gravidanza a livello mondiale assuma alcol in gravidanza e una su 67 donne partorisce un neonato affetto da sindrome alcolica fetale. In alcune regioni europee (in particolare Irlanda, Regno Unito, Danimarca, Spagna e Russia) circa un quarto di donne nella popolazione generale consuma alcolici durante la gravidanza, con una conseguente maggiore prevalenza della sindrome alcolica fetale, che risulta essere da 2 a 6 volte superiore alla media globale.

Da sapere!

In media, circa 15 bambini su 10.000 nati in tutto il mondo è affetto da sindrome fetale alcolica (circa 119.000 ogni anno).

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacchi della placenta: che fare?

25/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è necessario osservare il riposo assoluto, in caso di distacco placentare, mentre è consigliabile uno stile di vita senza eccessi.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti