Alterazione del gusto in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 23/01/2015

Spesso la gravidanza porta con sé anche un cambiamento dei gusti della futura mamma, che può rifiutare anche sapori che prima amava molto

Alterazione del gusto in gravidanza

Fin dall’inizio della gravidanza la futura mamma può avvertire delle variazioni nella percezione dei sapori: un cibo prima di questo momento molto amato, può risultare sgradevole o addirittura insopportabile. O viceversa, un determinato cibo prima considerato disgustoso, può diventare estremamente piacevole. Un tipico esempio è il caffè: per alcune donne può essere davvero sgradevole, anche se prima lo consumavano abitualmente. Alla base di queste modifiche del gusto, vi è il cambiamento ormonale a cui il corpo femminile è sottoposto nei nove mesi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti