Bruciori di stomaco o pirosi gastrica in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 23/01/2015

Sono provocati dagli ormoni tipici della gravidanza e, via via che il pancione cresce, dalla pressione dall'addome sullo stomaco

Gravidanza: i rimedi contro i bruciori di stomaco e il reflusso

Detti anche pirosi gastrica prendono il posto della nausea e del vomito, che di solito diminuiscono o scompaiono del tutto proprio dal quarto mese in poi. L’organismo della futura mamma, infatti, produce molti ormoni, soprattutto estrogeni e progesterone, che hanno un’azione rilassante sull’intera muscolatura liscia dell’organismo, compresa quella dell’apparato digerente. Di conseguenza, il cibo attraversa più lentamente lo stomaco, per consentire un migliore assorbimento dei vari nutrienti, ma proprio questo rallentamento comporta anche un maggiore contatto dei succhi gastrici con lo stomaco stesso: la mucosa (cioè il tessuto di rivestimento interno) di quest’organo, quindi, può essere aggredita con maggiore facilità. Nei mesi successivi, poi, il disturbo sarà aggravato dal progressivo ingrossamento dell’utero, che determina la risalita del cibo e dei succhi gastrici dallo stomaco verso l’esofago (reflusso gastroesofageo), provocando una sensazione di bruciore.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Intolleranza al latte in bimba di due anni: c’è da dubitarne!

22/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A due anni di età non è nemmeno da ipotizzare un'intolleranza al latte quindi è lecito dubitare di una simile diagnosi.   »

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti