Gonfiori alle gambe durante i mesi di attesa

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 23/01/2015

Si tratta di un disturbo che la futura mamma può aver già avvertito nei mesi precedenti, ma intorno a quest’epoca può capitare che le gambe diventino gonfie e pesanti più facilmente rispetto a prima.

Gonfiori alle gambe durante i mesi di attesa

Questo disturbo, che provoca anche una sensazione di dolore, è causato dalla stasi venosa: il sangue fa più fatica a risalire dalle parti periferiche (gli arti inferiori) verso il cuore e tende a ristagnare all’interno delle vene, le cui pareti cedono e si rilassano. Il rallentamento della circolazione sanguigna fa subentrare un circolo vizioso: maggiore è la stasi venosa, infatti, maggiore risulta l’indebolimento e la dilatazione delle pareti delle vene e, quindi, sempre più lenta è la risalita del sangue verso il cuore. In rari casi si può giungere anche all’insufficienza venosa, una malattia delle gambe caratterizzata da senso di pesantezza, gonfiori, capillari dilatati (riconoscibili come segni rosso-bluastri) e spesso vene varicose (vene visibili e in rilievo).

Che cosa fare

  1. Sollevare le gambe quando si dorme, infilando un cuscino sotto il materasso all’altezza dei piedi per favorire il ritorno del sangue verso il cuore.
  2. Non accavallare le gambe e non stare a lungo in piedi: in particolare stare sedute accavallando le gambe causa la compressione delle vene ostacolando la circolazione.
  3. Eseguire della ginnastica: fare alcuni esercizi, magari di ginnastica dolce, è molto utile per la circolazione: ad esempio, sdraiate su un tappetino, si può eseguire il movimento della bicicletta. In alternativa, si può optare per lunghe passeggiate ogni giorno. Un altro esempio di esercizio particolarmente indicato per chi sta a lungo in piedi è alzarsi sulle punte e molleggiare per qualche secondo, riappoggiando poi la pianta del piede sul pavimento.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti