Gravidanza: i rimedi contro la pressione bassa

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/07/2013 Aggiornato il 22/07/2013

In gravidanza è normale sentirsi deboli e avvertire sensazioni di capogiro e di svenimento. Tutta colpa della pressione bassa. Ecco come affrontarla

Gravidanza: i rimedi contro la pressione bassa

Sono moltissime le donne che, durante la gravidanza, soffrono di pressione bassa. Le modifiche cui va incontro l’organismo femminile nel corso dei nove mesi, infatti, possono influire su questo parametro, che corrisponde alla forza esercitata dal sangue sulle pareti dei vasi sanguigni mentre scorre al loro interno. Questo non significa che non si possa fare nulla per stare meglio.

Controllare la dieta

Innanzitutto, per combattere la pressione bassa la donna in gravidanza deve fare attenzione alla propria alimentazione. I ginecologi consigliano di consumare molta vitamina C, che agisce sulle surrenali, ghiandole che influenzano la pressione. È presente in tutti gli ortaggi a foglia verde (spinaci, insalata, carciofi), nelle arance, nei pompelmi, nei limoni, nei kiwi. Via libera anche a pesche, banane, patate, pomodori e albicocche: sono ricchi di potassio, un minerale che favorisce la contrazione muscolare e regolarizza il battito cardiaco e la pressione.

Non rinunciare a proteine e carboidrati

Inoltre, è necessario non far mancare all’organismo l’energia fornita dagli zuccheri, soprattutto dai carboidrati complessi (pasta, pane, riso e così via). E non bisogna rinunciare nemmeno alle proteine: pesce e carne, formaggi magri e uova (senza esagerare, per evitare l’aumento del colesterolo) sono una buona base proteica, indispensabile per prevenire la pressione bassa in gravidanza.

Bere molto

Le future mamme che hanno problemi di pressione bassa, inoltre, devono bere molto. In questo modo, infatti, si favorisce la dispersione di calore corporeo attraverso il sudore e si evita l’eccessiva dilatazione dei capillari (se il calore viene espulso con la sudorazione, l’organismo non deve correre ai ripari dilatando troppo i vasi, con il risultato di abbassare anche la pressione).

Sì all’attività fisica

Via libera poi all’attività fisica: se eseguita nel modo corretto, aiuta a stabilizzare la pressione. In gravidanza, però, non bisogna esagerare, ma scegliere gli sport che si possono fare nei nove mesi. Sono ottime le passeggiate, il nuoto, la ginnastiche dolce. Ci si può allenare 40-45 minuti due-tre volte alla settimana, evitando, però, le ore più calde della giornata.

Non stare in piedi troppo a lungo

Anche le posizioni del corpo possono favorire l’abbassamento di pressione. Per non correre rischi, è bene evitare di stare in piedi per troppo tempo e di passare repentinamente dalla posizione sdraiata a quella eretta: meglio mettersi prima a sedere e poi, senza fretta, alzarsi in piedi. Nel terzo trimestre, poi, non bisogna coricarsi sul fianco sinistro: è una posizione che comprime la vena cava inferiore, rallentando il flusso di sangue.

Poco sole

Infine, anche se ci si vuole abbronzare, non bisogna stare a lungo al sole. Quando ci si espone, sono d’obbligo un cappello per riparare la testa e abiti leggeri che consentano la traspirazione. Ogni tanto è meglio ripararsi in ambienti freschi e ombreggiati, anche se per pochi minuti.

In breve

IL GINECOLOGO PUO’ PRESCRIVERE INTEGRATORI SPECIFICI

Per combattere la pressione bassa in gravidanza, il ginecologo può consigliare anche appositi integratori, come quelli a base di sali minerali da sciogliere in acqua. È importante, però, evitare il fai-da-te e attenersi sempre alle indicazioni dello specialista.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti